ENTRARICERCA

Ferrero è il marchio con la migliore reputazione al mondo
Reputation Institute di New York

Senza titolo

From The Economist on line - Photo by Tarek Moustafa

Ferrero è il marchio più affidabile e con la miglior reputazione del mondo.

Il produttore di cioccolato partito dal Piemonte e molto conosciuto all’estero è in cima alla classifica annuale redatta dal Reputation Institute, un istituto internazionale di ricerca. Ne dà notizia l’Economist nella sua edizione online. La società di ricerca ha chiesto all’opinione pubblica di valutare le 600 maggiori aziende mondiali in base a criteri di fiducia, ammirazione, rispetto, sensazioni positive e stima complessiva.

La società italiana è infatti salita dal quarto posto al gradino più alto del podio, relegando dietro di sè colossi come Ikea e Johnson & Johnson. La società ha ottenuto un indice di 85,17 su un totale di 100, oltre un punto sopra ad Ikea. E, sottolinea l’edizione online di Forbes, «una differenza superiore a mezzo punto è considerata notevole». L’indice del Reputation Institute è costruito su criteri quali la fiducia, l’ammirazione, il rispetto e la stima, oltre che su valori ’secondarì, come l’innovazione, la governance e la qualità della performance. Ferrero ha costruito il primato sulla forza dei propri prodotti, più che sull’innovazione, dove è preceduta da Nintendo, o della leadership di mercato, dove cede il passo all’Ikea.
La ricerca è stata condotta intervistando più di 60.000 persone in 32 paesi, al fine di misurare la percezione che hanno i consumatori di oltre 1.000 società di tutto il mondo. Fra queste è stata stilata una lista delle prime duecento società, all’interno delle quali, oltre la Ferrero, sono presenti anche Pirelli al novantesimo posto, Eni al 117mo e la Coop al 120mo, sopra marchi di spicco come Sony, Fuji e la svizzera Nestlè. Fra i settori che hanno sofferto maggiormente, ci sono le banche e le istituzioni finanziarie, trascinate al ribasso dalla crisi da loro scaturita e che ha finito per colpire l’intera economia mondiale.
Peggio di loro, soltanto i gruppi produttori di tabacco. Scalano invece importanti posizioni in classifica le società cinesi, con la banca Icbc e China Telecom che mettono a segno i maggiori rialzi rispetto allo scorso anno.
Fra i paesi più presenti, invece, spiccano Francia e Germania, con oltre 30 società selezionate, ma solo una francese è riuscita ad entrare fra le prime cinquanta. «Il Gruppo Ferrero è fortemente gratificato dall’esito dello studio», commenta l’azienda. Un riconoscimento che la «riempie di orgoglio» e «uno straordinario tributo a tutti i collaboratori di Ferrero che quotidianamente garantiscono ai consumatori prodotti della più alta bontà, freschezza e qualità». Un risultato che «è frutto di una cultura aziendale che ha sempre prestato la massima attenzione alla valorizzazione delle risorse umane, oltrechè grande sensibilità ai temi di responsabilitàsociale». Una politica «pienamente nella continuità delle linee guida volute dal fondatore del Gruppo, Michele Ferrero». Il riconoscimento - sottolineano ancora alla Ferrero «è anche un successo dell’industria italiana nel mondo».

«Nonostante lo sbaraglio economico, il rispetto per l’impresa è ancora abbastanza alto», scrive sul suo sito web il settimanale britannico. Ma alcuni settori hanno sofferto: le banche e altre istituzioni finanziarie, che negli anni scorsi incutevano una buona dose di rispetto, hanno perso posizioni «in modo allarmante», anche se fanno meglio delle aziende produttrici di tabacco.

Secondo il punteggio del “Global Pulse”, su una scala da 1 a 100, la Ferrero registra oltre 85 punti. Seconda in classifica la svedese Ikea, con 84 punti. In terza posizione la statunitense Johnson & Johnson, nota per i prodotti di largo consumo per la cura dei bebé (oltre 83). La giapponese Nintendo è al sesto posto. I francesi sono al settimo posto con Christian Dior (oltre 81 punti). Gli spagnoli arrivano al nono posto con i supermercati Mercadonna (81). Tra le prime quindici classificate, una sola linea aerea, la Singapore Airlines (al decimo). Il gruppo industriale e automobilistico indiano Tata è all’undicesimo posto.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
banner sqaure ms 21
smm day 2018
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7054114 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 4245 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 1702 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
18 gennaio 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi