ENTRARICERCA

Intervento di Orazio Granato
Atti della Tavola Rotonda del 26 Maggio 2010

Comunicazione = informazione, intrattenimento, creatività

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“ La tecnologia è stata finora molto coinvolta e allora vengo alla domanda per Orazio Granato: ma in tutto questo la tecnologia è un elemento passivo o ha ancora qualcosa da dare e da creare?”

Orazio Granato Amministratore Delegato A-Tono:

Senza titolo

“Guardando il lunghissimo titolo della tavola rotonda di oggi mi sono chiesto: e la tecnologia dov’è? Per me, parlare di tecnologia significa infatti aver trovato il filo conduttore in grado di fare informazione, intrattenimento e creatività, compatibilmente con i nuovi mezzi. Porto questo esempio che utilizzo quotidianamente con i responsabili d’azienda con cui mi trovo spesso a parlare: se io devo portare ad aggiustare la macchina, la prima cosa di essere certi è che il meccanico da me scelto capisca qualcosa di motori, altrimenti non posso affidare a lui la mia automobile; se voglio tinteggiare casa, chiamo l’imbianchino, perché chi meglio di lui potrebbe occuparsi del lavoro intendendosi di pittura e pennelli. Il problema sta nel fatto che anche nel digitale non si può parlare di nuova comunicazione se non vi è adeguata preparazione a livello di tecnologia. Questo è il problema principale che le aziende da una parte e le agenzie dall’altra non comprendono, arrecando a mio parere danni enormi all’Italia. Spiegatemi come si fa a parlare di nuova comunicazione in un paese in cui i direttori creativi credono che il web sia una televisione e il blog sia un comunicato stampa; dove le aziende sono disposte a investire solo in televisione per non rischiare, perché la televisione è il mezzo più sicuro per evitare i flop. Fino a quando ci saranno questi presupposti, l’Italia sarà l’ultimo paese in Europa, e non solo. Enrico diceva che paragonando Italia a Israele, il rapporto è uno a cinquanta, davvero inquietante. Concludo dicendo che o cambiamo con il coraggio di farlo e non come uno slogan politico, oppure il problema non sarà tanto della mia generazione ma di quella futura, di mia figlia che ha undici anni con un avvenire davanti. Se vogliamo cambiare dobbiamo accettare tutti la sfida del cambiamento, non però solo a parole”.

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“Entriamo quindi ora nelle difficoltà insite nella nuova comunicazione, aldilà di intrattenimento, informazione o creatività. Il problema è che in tutte le relazioni si rischia l’incomprensione. Uno spot lo metti in onda, finisce e se ti vogliono mandare a quel paese non lo percepisci. Ora c’è l’ingaggio, uno dei grandi temi del digitale. Vi faccio notare che il più grande ingaggio è il prodotto. Sapete che iTunes due mesi fa ha consegnato 10 miliardi di dischi? Nel frattempo gli specialisti, i discografici, si erano persi quell’occasione e dunque quote di mercato.
In tutto questo discorso chiedo a Orazio: la tecnologia cosa sta facendo? Cosa fa per dialogare?”

Senza titolo

Orazio Granato Amministratore Delegato A-Tono:

“Un consiglio che mi sento di dare è di non andate in Chat Roulette da sprovveduti, perché può capitarvi di tutto e di più. Scherzi a parte, sono orgoglioso di lavorare per un’azienda dove su cento persone settanta sono ingegneri che vivono tra Pisa e Catania e dove, per logica etica, ho cercato di spostare il lavoro con le persone. Non c’è bisogno di andare nella Silicon Valley. La provocazione che ho voluto lanciare all’inizio, sulla quale sono sostenuto da molti colleghi della filiera, serve a dire che sappiamo tutti benissimo che non è facile fare uno spot, ma è diventata una cosa comune e scontata, mentre parlare di relazione non è semplice e fare comunicazione relazionale su un mezzo è davvero difficile se prima non conosco il mezzo. Non basta fare, per esempio, application per l’iPhone e creare Apple Store, se non conosco prima cosa posso fare con la logica della touch generation. La logica creativa, in sintesi, va calata nella dimensione del mezzo, se non avviene il creativo continua a creare in una stanza vuota, priva d’aria. Il creativo che conosce il mezzo crea valore. La tecnologia va conosciuta, quindi, per dare valore alla creatività altrimenti che senso ha fare delle applicazioni, quando non conosco le potenzialità insite nell’iPhone? Come non ha senso comunicare su Twitter solo perché è di moda. Questo è lo sbaglio più grande che l’agenzia può fare nel proporre soluzioni alle aziende.”

Senza titolo

Orazio Granato - Amministratore Delegato A-Tono

Orazio Granato, già anni prima della Laurea in Informatica presso l’Università di Pisa nel 1992, si specializza nel settore delle nuove tecnologie e nell’informatica, con un particolare focus sulle reti di comunicazione e sullo sviluppo di servizi su piattaforme elettroniche.

Dal 1992 al 1999 lavora in HP, iniziando come ricercatore nella sede di Greeley, in Colorado e terminando come European E-Service Business Program Manager presso la sede di Genova.

Approda in A-Tono nel 2000 come Managing Director. Oggi riveste il ruolo di Amministratore Delegato, con responsabilità che vanno dallo sviluppo e pianificazione strategica alla gestione finanziaria, fino allo sviluppo di nuove opportunità di business e di partnership e alleanze.

Le sue conoscenze nel campo del management sono frutto di un MBA e un Master in Management presso la SDA-Bocconi di Milano.

A-Tono e il suo triangolo eccellente. Dopo nove intensi anni di leadership nel marketing interattivo multicanale, A-Tono è lieta di presentarsi al mondo e al mercato con un’immagine completamente rinnovata, felice espressione di importanti evoluzioni interne, di ambiziosi obiettivi raggiunti e di nuovi sorprendenti prodotti e servizi, che oggi mette a disposizione del pubblico e delle aziende.

Merito del triangolo eccellente, che identifica la sua struttura peculiare di azienda/agenzia, fondata su tre settori esclusivi, intercomunicanti, Tecnology, Marketing e Creativity, armoniosamente coordinati e integrati al servizio del Mobile Marketing e Digital Communication Solutions.

Grazie al suo triangolo eccellente, A-Tono conta oggi un organico di oltre 70 dipendenti e ben 4 sedi operative, di cui tre in Italia e una in Brasile ed è più che mai l’assoluta pioniera e colonna portante della Nuova Comunicazione Interattiva, quella che parte dal cellulare e si estende al web, passando per il POP, la carta stampata, la radio, la TV…

Senza titolo

Senza titolo

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
banner sqaure ms 21
smm day
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7814625 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3415 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 3652 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi