ENTRARICERCA

Tobia Repossi
Architetto e Partner Zona Uno™

TAVOLA ROTONDA - 31 Maggio 2011

Senza titolo

Gaetano Grizzanti (Moderatore dell’incontro):
Per quest’occasione sono stati invitati professionisti di tre differenti realtà: da un lato abbiamo quella delle agenzie - le vere protagoniste della serata - dall’altro quella delle aziende, per passare attraverso la realtà accademica. Lasciamo subito la parola a Tobia Repossi, architetto, designer e titolare dell’agenzia ZonaUno. A partire dalla sua esperienza e dal tema scelto per questa Tavola Rotonda e cioè Parole e immagini nell’informazione e comunicazione moderna, gli chiedo: come parole e immagini interagiscono oggi e quale differenza rintraccia, nell’era del digitale, tra uno spazio di prodotto fisico e uno di prodotto virtuale.

Senza titolo

Tobia Repossi:
Innanzitutto buona serata a tutti. Il rapporto esistente, oggi, tra parole e immagini in termini generali è molto complesso. Nel mio piccolo mondo, fatto di oggetti, di architettura e di design industriale, da una parte, ma anche di comunicazione, dall’altra, molte sono le differenze rintracciabili. Penso da un lato, infatti, al carattere di immanenza e di estensione temporale e dall’altro a quello di obbligatorietà, propri dell’architettura e spesso anche dell’oggetto, ma non così della comunicazione tradizionale. In comunicazione esiste sempre la possibilità di cambiare canale o di voltare pagina, di non cliccare su quel link o di utilizzare una x, in alto a destra, per chiudere in qualsiasi momento una finestrella pop-up. L’oggetto, invece, che per quanto mi riguarda è legato alla rete urbana, è consolidato e solido. Mi spiego meglio. Se passo tutti i giorni sotto una medesima struttura architettonica, sono obbligato a vederla, così come mi accade con il porta biciclette che utilizzo quotidianamente, solo per citare un esempio nel campo del design di prodotto.

Subentra a questo punto anche un discorso di professionalità. Nel mondo della comunicazione parola e immagine, tanto quanto slogan e scatto fotografico, si legano a figure professionali particolari e cioè copy e art. La componente testuale e quella visuale difficilmente esistono nel mondo del design. Si parla più di forma e funzione e relative differenze.

Vi è, poi, una terza e ultima considerazione generale da farsi che si lega al concetto dell’interfaccia. Le interfacce a livello di spazio architettonico sono decisive, tanto quanto una maniglia, una presa o una qualsiasi interfaccia che un oggetto possiede e che ne consente l’utilizzo. I progetti di architettura e di design sono vincenti o fallimentari anche da questo punto di vista. Capita sempre più di frequente, oggi, che anche in termini di comunicazione l’interfaccia, e la partecipazione che ne può derivare, acquisti un ruolo decisivo nel concorrere al successo di una campagna. Pensiamo, infatti, a quella americana del Presidente Obama o, più di recente, a quella di Pisapia, Sindaco di Milano. È stata smontata l’idea di testo-immagine o di rapporto linguistico-visuale a favore della partecipazione, a fronte della voglia del consumatore medio di non essere più un target senza coscienza. In entrambi i casi, lo slogan è stato scelto per colpire ad effetto, la rete lo ha esasperato e le campagne derivanti sono state partecipative al massimo. seppur non erano nate con questa iniziale intenzione.

Concludo affermando che, pur non sapendo cosa vi sia esattamente sotto questa richiesta del consumatore, così come le interfacce sono determinanti da sempre in architettura e nel design, lo potranno diventare per sinestesia sempre di più nell’ambito della comunicazione.

Gaetano Grizzanti:
In sintesi la parola chiave, oggi, pare essere coinvolgimento, a prescindere dallo strumento. Va comunque aggiunto come, rispetto al passato, oggi, sia cambiata la modalità di comunicazione da parte delle aziende verso i clienti. Pochi anni fa si parlava in termini di emittente-ricevente, in cui l’emittente-azienda aveva pieno controllo delle informazioni in uscita. Oggi, al contrario il vecchio ricevente si è trasformato in emittente. L’informazione tende a ritornare indietro, determinando uno scarso controllo delle informazioni e delle loro impreviste trasformazioni.

Senza titolo

Architetto e designer, svolge attività di progettazione con attenzione all’interattività, sia essa legata alla realizzazione di mostre, musei o exhibits, al design del prodotto o alla comunicazione in generale. Pensa che il fare sia l’anticamera della conoscenza, e lavora sull’interazione oggetto-utente tenendo bene a mente che “se odo dimentico, se vedo ricordo ma se faccio capisco”.Membro Beda, Adi e dell’Ordine degli Architetti, docente presso il Politecnico di Milano Facoltà del Design e Istituto Europeo del Design. Alcuni suoi lavori sono pubblicati su riviste del settore e selezionati al XX° premio Compasso d’Oro. Fondatore e partner di ZonaUno™ studio associato, struttura nata dalla fusione di professionisti per accompagnare le aziende nella definizione e progettazione delle loro strategie di comunicazione ora parte di Commedia™ Communication e Media Group.

Senza titolo

ZonaUno® è una iniziativa che nasce dalla fusione di professionisti differenti che hanno l'obiettivo di fornire al cliente un servizio a 360 gradi e gestire l'intera filiera del progetto. Tutto con un occhio all'interattività tra oggetto e utente perché "se odo dimentico, se vedo ricordo ma se faccio capisco". ZonaUnoTM è parte di CommediaTM, una rete che integra competenze qualificate e complementari. CommediaTM è un sistema orizzontale e trasparente in cui ogni realtà mette a disposizione il proprio talento, i propri asset distintivi. In questo modo possiamo essere un referente unico: dal brand alla comunicazione, dal design di prodotto allo store, dal web all'advertsing, dalla ricerca di mercato al web marketing, dal video all’evento. Il nostro miglior modo per dire è fare. Per questo vi invitiamo a vedere ciò che abbiamo fatto e scoprire se siamo fatti per voi.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Material ConneXion
banner sqaure ms 21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7613089 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 4336 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 524 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
17 giugno 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi