ENTRARICERCA

Chagall delle meraviglie
In Mostra al Vittoriano di Roma

Senza titolo

"Chagall delle meraviglie": il suggestivo titolo dell'esposizione trae spunto dal nome dato, in un famosissimo saggio, da Louis Argon, l'intransigente teorico del Dadaismo e del Surrealismo che, per descrivere la lieve e meravigliosa poetica chagalliana non trova altro termine di paragone che la felice atmosfera del "Sogno di una notte di mezza estate" di Shakespeare. L'intendimento di questa importante retrospettiva che la città di Roma dedica a Chagall, è quella di rivisitare la sua intera opera ricca di rimandi, influssi e anticipazioni rispetto all'arte futura, proprio perché Roma, luogo in cui per duemila anni culture diverse si sono susseguite e sovrapposte, è forse la città più adatta a cogliere e a ritrovare nell'opera di Chagall quell'intrecciarsi di origini diverse, quella contaminazione tra differenti radici storiche e culturali, quel mescolarsi tra religione ebraica e cristiana che caratterizza il cammino di arte e di vita del grande maestro. Importanti musei di tutto il mondo partecipano alla mostra con il prestito di una serie di opere di grande impatto; tra gli altri, spiccano per qualità e spessore il nucleo di opere provenienti dalla Russia, in particolare dalla Galleria Tretiakov di Mosca e dal Museo di Stato Russo di San Pietroburgo, e quello proveniente dalla Francia, con la partecipazione del Musée National d'Art et Culture Georges Pompidou di Parigi e del Musée National Message Biblique Marc Chagall di Nizza.
La prima sezione della mostra illustra l'influsso che la tradizione figurativa delle icone, tipica della cultura ortodossa, ha su tutto il mondo figurativo di Chagall. Il mondo ebraico e l'arte tradizionale russa costituiscono uno dei nuclei originari della poetica dell'artista. Nelle opere del periodo russo ritroviamo la rappresentazione di quelle masse umane che popolano i funerali e le processioni di Repin e la grande scuola del Realismo russo; il ricordo dell'artigianato russo traspare, inoltre, in quel colorato senso della decorazione all'origine dei suoi famosi mazzi di fiori. Sorgente meno nota dell'ispirazione di Chagall è, invece, il mondo di vignette popolari russe denominate Lubok, ampiamente diffuse fra i ceti popolari durante tutto l'Ottocento, in cui viene rappresentato in modo realistico, ma paradossale, un mondo fatto di animali parlanti, di personaggi che volano, di galli cavalcati da fieri cavalieri. Lo stesso mondo che anima, come un circo fatato, le opere di Chagall. "Vitebsk era la terra che aveva nutrito le radici della mia arte, ma la mia arte aveva bisogno di Parigi così come un albero dell'acqua. Non avevo nessun altro motivo per abbandonare la mia patria ed io credo di esserle rimasto sempre fedele nella mia pittura".
Nel 1910, giunto a Parigi, Chagall si stabilisce inizialmente a Montmartre, conosce l'arte di Gauguin e Van Gogh, rimane fortemente impressionato dai lavori di Matisse, scopre gli antichi maestri e nel 1911-12 conosce Soutine, ebreo orientale come lui. Giunge a contatto con il Cubismo attraverso Robert Delaunay. Entrambi non condividono lo sguardo analitico per le cose proprio dei cubisti: per i due artisti con il linguaggio cubista si poteva esprimere la magia del mondo, la vita segreta delle cose trasponendo in reticoli geometrici quanto immaginato. Chagall difende un'altra concezione dell'arte: quella dell'assoluta libertà creativa e del gioco disinvolto dell'immaginazione. "La tendenza di carattere scientifico non è felice per l'arte… L'arte mi sembra essere soprattutto uno stato d'animo." E così le opere di Chagall si popolano di visioni fantasmagoriche, voli nell'aria di corpi ed oggetti - una donna, un toro, una mucca, due innamorati, un gallo - che risentono del mondo fantastico dell'infanzia, del mondo incantato e colorato delle favole russe e del volo circolare sperimentato da Delaunay. Basti osservare gli oli su tela Sopra la città (1914-1918), Amanti in rosa (1916) e Amanti in blu (1914). Importante anche il rapporto con altre correnti d'avanguardia a lui contemporanee, il Surrealismo, il Primitivismo, il Costuttivismo, l'Espressionismo in Germania.
Tra il 1914 e il 1923 è nuovamente in Russia. Innamoratissimo, sposa Bella e, nove mesi dopo, ha una figlia. "Bastava che aprissi la finestra della stanza e subito entravano d'impeto, insieme a lei, l'azzurro, l'amore e i fiori". Sono anni sereni turbati solo dal vento impetuoso della Rivoluzione d'Ottobre. Nel '20 lascia Vitebsk per stabilirsi a Mosca in condizioni di estrema povertà ma, tornato in Francia nel 1923, vede realizzarsi le sue speranze. La serena naturalezza dei quadri di quegli anni è un riflesso della mancanza di preoccupazioni esistenziali. Un'atmosfera magica intride le sue opere, i quadri si popolano di scene naturali, di fiori, di paesaggi tipicamente mediterranei, resi grazie al potere espressivo del colore, di una materia pittorica brillante. I colori si fanno lucidi e teneri, le pennellate liquide e sottili, lo sfumato morbido e arioso.
Si mette a lavorare a complessi cicli grafici. Splendida la serie delle acqueforti raffiguranti le Anime morte di Gogol mentre agli anni berlinesi risale la sua Autobiografia riproposta eccezionalmente in mostra. Nel 1933- 1941 lo stato d'animo si incupisce. A causa della drammatica ascesa del nazismo, si rafforza in questi anni il legame dell'artista con le sue origini giudaiche. Il mondo ebraico di Chagall, impersonato nella figura mitica dell'ebreo errante, viene ampiamente descritto in mostra attraverso una serie importante di dipinti, oltre che da una raccolta di poesie dell'artista. Emblematico l'olio su cartone raffigurante L'ebreo rosso del 1915. Sbarca in America il 23 giugno del 1941, lo stesso giorno in cui i tedeschi invadono il suo paese natale.
Chagall rimane anche in questi anni il cronista delle meraviglie; nelle sue opere domina una fiabesca fantasmagoria dove nelle pance delle cavalle si vedono embrioni, i violinisti suonano sui tetti, le isbe russe sono dipinte all'inverso, le mucche volano nell'aria, gli innamorati si abbracciano tra le nuvole; il tutto sempre con una logica. "E' libero soltanto quel cuore cha ha una sua logica e una sua ragione". Anche la figura del violinista che tante volte ricorre in Chagall è un eroe lirico collegato alla sua vagheggiata infanzia: ispirato da un zio di nome Nuche che suonava il violino durante le feste familiari, assurge a simbolo del mondo artistico. Si veda, ad esempio, Liberazione (1937-1952) e Il carnevale notturno, olio su tela del 1963.
Finita la guerra, la pittura di Chagall si libera dalla notturna oppressione del momento precedente e torna a colorarsi di fantastiche creature alate, giocolieri, acrobati. Tornato in Francia, la sua opera è sempre un volo acrobatico tra sogno e realtà. Ma nell'opera tarda, alla tradizione giudaico-ortodossa e al folclore russo si aggiungono motivi della mitologia greca e cristiana. "Io sono un mistico. Io non vado in chiesa o in sinagoga. Per me lavorare è pregare." Il suo Museo del Messaggio Biblico è fondato come un tempio d'amore. "L'amore per tutto il mondo è la cosa più importante, come pure la libertà.
Quando perdi la libertà perdi l'amore". Una ricca sezione della mostra, dedicata alla raffigurazione dei motivi religiosi, fa scoprire uno Chagall che passa senza evidenti distinzioni, dalla tradizionale iconografia ebraica - la rappresentazione di rabbini e sinagoghe - a quella biblica e a quella cristiana, avendo l'ardire di raffigurare, nel famosissimo trittico della Crocifissione, un Cristo vestito dei tradizionali abiti ebraici. Esposta per la prima volta la serie completa delle incisioni della Bibbia.

Molti musei internazionali hanno contribuito alla raccolta dei capolavori esposti al Vittoriano, tra questi spiccano la galleria Tretiakov di Mosca, il Museo di Stato Russo di San Pietroburgo e dalla Francia, Musée National Gorge Pompidou di Parigi e Musée National Message Biblique Marc Chagall di Nizza.

Gli orari d’apertura della mostra sono: dal lunedì al giovedì 9.30 -19.30; venerdì e sabato 9.30 - 23.30; domenica 9.30 – 20.30. Per altre informazioni si può telefonare allo 06/6780664.

Complesso del Vittoriano
Via San Pietro in Carcere
Tel +39 06 6780664

Ingresso

Intero 10,00 euro
Ridotto 7,50 euro

Senza titolo

Marc Chagall (Vitebsk, 7 luglio 1887 – Saint-Paul de Vence, 28 marzo 1985) è stato un pittore bielorusso.

Il suo vero nome era Moishe Segal (משה סג"ל - Segal è un cognome levita, acronimo di סגן לוי Segan Levi, "assistente levita"); il suo nome russo era Mark Zakharovič Šagalov, abbreviato in Šagal (Шагал; Chagall, secondo la trascrizione francese).

Marc Chagall era il maggiore di nove fratelli: il padre, Khatskl (Zakhar) Chagall, era un mercante di aringhe, sposato con Feige-Ite. Nelle opere dell'artista, ritorna spesso il periodo dell'infanzia, felice nonostante la condizione di vita.

Iniziò a studiare pittura nel 1906 con il maestro Yehuda (Yudl) Pen, il solo pittore (peraltro assai mediocre) di Vitebsk, ma l'anno successivo si trasferì a San Pietroburgo. Qui frequentò le Belle Arti, con il maestro Nikolai Roerich, e conobbe artisti di ogni scuola e stile. Tra il 1908 e il 1910 studiò, invece, alla scuola Zvantseva con Leon Bakst.

Questo fu un periodo difficile per Chagall: gli ebrei potevano infatti vivere a San Pietroburgo solo con un permesso apposito e per breve tempo venne imprigionato. Rimase nella città fino al 1910, anche se di tanto in tanto tornava nel paese natale, dove, nel 1909 incontrò la sua futura moglie, Bella Rosenfeld conosciuta ai tempi in cui si accompagnava con il maestro Nikolai Roerich.

Una volta divenuto noto come artista, lasciò San Pietroburgo per stabilirsi a Parigi, per essere più vicino alla comunità artistica di Montparnasse, dove entrò in amicizia con Guillaume Apollinaire, Robert Delaunay, e Fernand Léger e . Nel 1914 ritornò a Vitebsk e l'anno successivo si sposò con la fidanzata Bella. La prima guerra mondiale scoppiò mentre Chagall era in Russia. Nel 1916, il pittore ebbe la sua prima figlia, Ida.

Nel 1917 prese parte attiva alla rivoluzione russa: il ministro sovietico della cultura lo nominò Commissario dell'arte nelle regione di Vitebsk, dove fondò una scuola d'arte. Non ebbe tuttavia successo in politica nel governo soviet, e perdipiù entrò in contrasto con la sua stessa scuola (in cui militava El Lissitzky), che per motivi politici era conforme al suprematismo, assolutamente agli antipodi dello stile fresco ed "infantile" di Chagall. Nel 1920 si trasferì con la moglie a Mosca e poi a Parigi nel 1923. In questo periodo pubblicò le sue memorie in Yiddish, scritte inizialmente in lingua russa e poi tradotte in lingua francese dalla moglie Bella; scrisse anche articoli e poesie pubblicati in diverse riviste e, postumi, raccolti in forma di libro. Divenne cittadino francese nel 1937.

Durante l'occupazione nazista in Francia, nella seconda guerra mondiale, con la deportazione degli Ebrei e l'Olocausto, gli Chagall fuggirono da Parigi. Si nascosero presso Villa Air-Bel a Marsiglia e il giornalista americano Varian Fry li aiutò nella fuga verso la Spagna e il Portogallo. Nel 1941 la famiglia Chagall si stabilì negli Stati Uniti, ove sbarcò il 22 giugno, giorno dell'invasione nazista della Russia.

Il 2 settembre 1944, Bella, compagna amatissima, soggetto frequente nei suoi dipinti e compagna di vita, morì per malattia. Due anni dopo, Chagall fece ritorno in Europa e nel 1949 si stabilì in Provenza.

Uscì dalla depressione dovuta alla morte della moglie quando conobbe Virginia Haggard, dalla quale ebbe un figlio. Fu anche aiutato dalle commissioni che ricevette per lavori per il teatro.

In questi anni intensi, riscoprì colori liberi e brillanti: le sue opere sono dedicate all'amore e alla gioia di vivere, con figure morbide e sinuose. Si cimentò anche con la scultura, la ceramica e il vetro.
Chagall si risposò nel 1952 con Valentina (detta "Vavà") Brodsky: viaggiò diverse volte in Grecia, nel 1957 si recò in Israele, dove nel 1960 creò una vetrata per la sinagoga dell'ospedale Hadassah Ein Kerem e nel 1966 progettò un affresco per il nuovo parlamento. Viaggerà anche in Russia dove sarà accolto trionfalmente, ma si rifiuterà di tornare nella natìa Vitebsk.
Durante la guerra dei sei giorni l'ospedale venne bombardato e le vetrate di Chagall rischiarono di essere distrutte: solo una venne danneggiata, mentre le altre venero messe in salvo. In seguito a questo, Chagall scrisse una lettera dove - giustamente - diceva di essere preoccupato non per i suoi lavori ma per la salvezza di Israele.
Chagall morì a novantasette anni, a Saint-Paul de Vence, il 28 marzo 1985.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Tiky ms21
smm day
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7726170 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 8429 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 3207 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi