ENTRARICERCA

Luca Cavallini
L'intrattenimento in comunicazione per un coinvolgimento unico

Senza titolo

Luca Cavallini
Socio e Direttore Clienti
Artefice Group

Quale engagement in comunicazione riesce, oggi, a gratificare a pieno l’individuo e a prolungare la sua attenzione nei confronti del brand, prodotto o sevizio senza dispersività?

Il gioco, il sorriso e il sogno quali potenzialità hanno a livello comunicativo?

Racconta Gianni Rodari, in una nota favola, che due bambini giocavano nella pace del cortile a inventarsi una lingua tutta per loro con la quale parlare senza farsi capire dagli altri. Uno disse: “Brif, braf”, l'altro “Braf, brof” e scoppiarono a ridere. Due anziani signori, ognuno in casa propria e al balcone, commentavano, la signora trovando sciocchi quei bambini, il signore dicendo che, invece, lui li capiva. I bambini ricominciarono a parlare nella loro lingua: “Maraschi, barabaschi, pippirimoschi”, disse il primo. “Bruf”, rispose il secondo. E giù di nuovo a ridere tutti e due. La signora era sempre più dubbiosa ma il signore, ancora una volta, sostenne di avere capito: “Il primo ha detto: come siamo contenti di essere al mondo. E il secondo ha risposto: il mondo è bellissimo”. “Ma è poi bello davvero?”, insisté la vecchia signora. “Brif, bruf, braf”, rispose il vecchio signore.
Aldilà del fatto che con certe domande l'ironia e il divertimento sono l'unico linguaggio plausibile, per farsi coinvolgere (e per coinvolgere) in profondità occorre l'anima bella.

Il pensare, come Pasolini ne Il pianto della scavatrice, che: 'Solo l'amare, solo il conoscere conta, non l'aver amato, non l'aver conosciuto'. Non c'è età, non c'è ragione che tenga, non pigrizia né sfiducia né cedimento: è la disposizione d'animo che consente l'accesso al linguaggio del coinvolgimento, a una dimensione ludica. E alla partecipazione. Ed è questo lavoro di continuo riallineamento degli stati d'animo attraverso il proprio linguaggio che il brand oggi è sempre più chiamato a esprimere nel nostro tempo a scomparsa: che si apre e si chiude con grandi rapidità, sovrapposizioni, simultaneità e tecnologia. I prodotti che popolano oggi i complessi commerciali, i loro ritmi, velocità, movimenti, suoni e parole, alimentano un sistema denso: il grado di vulnerabilità, anche per i marchi più affermati, è molto alto. Ma si tratta di una velocità/volubilità dei desideri all'interno della quale il brand non ha interesse ad azionare una corsa al rilancio quanto, piuttosto, ad affidarsi e confidare in una prossimità con il consumatore in grado di intercettare il tempo effettivo delle persone, la capacità di ascolto dei “Brif, bruf, braf”.

Se si considera un'aspettativa di vita media di ottant’anni, ci si accorge facilmente, per esempio, che alla fine della propria esistenza una persona ha passato circa un anno a lavarsi i denti (15 minuti al giorno per 365 giorni all'anno), quasi trent'anni a dormire e chissà quanti a guardare la tv, parlare al telefono o in coda sulla tangenziale. Il tempo effettivo, allora, è quello che ti dice chi sei e che cosa hai messo insieme nel corso della tua esistenza. Il tempo effettivo è quando stai bene e ti senti in pace, quando non hai fretta, quando sei consapevole. Il tempo in cui creare linguaggi e strumenti d'accesso. In cui il coinvolgimento diventa coinvolgimento effettivo.

Luca Cavallini, 40 anni e felice padre di 2 figli, si è laureato nel 1996 in Economia Aziendale all'Università Bocconi di Milano, comincia a collaborare al progetto Artefice nel 1997.
Oggi è Socio e Direttore Clienti di Artefice Group (www.arteficegroup.it), un gruppo indipendente, composto da 4 società con esperienze, unicità e aree di competenza specifiche nell'ambito della comunicazione e del design, dove gestisce un team di otto persone dedicate alla gestione dei clienti. Le responsabilità e la fiducia acquisita sul campo nel corso di questi quattordici anni di lavoro, l’hanno portato a gestire l’intero processo di sviluppo di progetto nell'ambito della strategia e della comunicazione di marca, collaborando con le più importanti multinazionali presenti sul mercato italiano ed europeo: da Danone ad Artsana a Coca-Cola e Nestlè, da Unilever a Ferrero a Henkel, da Reckitt Benckiser, Sky e adidas.
Da sempre appassionato ed entusiasta del proprio lavoro, segue con attenzione l’evolversi delle nuove tecnologie e dei nuovi modelli di comunicazione on line e offline, curioso di come la crisi che stiamo vivendo stia mettendo in discussione gli schemi di un mercato in piena rivoluzione riuscendo anche a creare nuove ed importanti opportunità di crescita e sviluppo.

Senza titolo

Artefice Group è un gruppo indipendente, composto da 4 società con esperienze, unicità e aree di competenza specifiche nell'ambito della comunicazione e del design.
Identifichiamo soluzioni innovative e creative per la comunicazione di marca, e le realizziamo attraverso un processo integrato di progettazione, sviluppo creativo e produzione.
L'offerta specifica e l'approccio sinergico delle società permette di ottimizzare i processi di lavoro con l'obiettivo primario di generare un vantaggio qualitativo per i nostri clienti.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
illy mitaca
banner sqaure ms 21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7822886 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3442 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 80 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi