ENTRARICERCA

Paolo Pascolo
L'intrattenimento in comunicazione per un coinvolgimento unico

Senza titolo

Paolo Pascolo
Fondatore e Presidente
imille

Crede che l’intrattenimento attraverso il sorriso in tutte le sue espressioni possa rappresentare una tecnica di comunicazione interessante? Pensa che si possano riprodurre elementi che richiamino l'ironia anche con tecniche di visual?

L’ironia è nella sorpresa, la battuta più riuscita è sempre quella spontanea e diretta. Nella sua ‘Interpretazione dei Sogni’ del 1900 Freud aveva definito il ‘moto di spirito’ come una delle manifestazioni più affascinanti dell’inconscio attraverso il mondo reale. Riprodurre in comunicazione questa spontaneità non è cosa facile, ma quando ci si riesce veramente il successo è garantito.

Quale è l’importanza dell’esperienza ludica, del gioco, nell'intrattenimento dell’individuo? Quanto è importante creare un meccanismo interessante, per ottenere l'attenzione e divertire le persone facendole anche riflettere?

Il gioco è lo strumento più potente per liberare l’uomo dal suo stress quotidiano, creandone un altro: l’eustress, una sorta di stress positivo che ci pone in una condizione di benessere psicofisico. Il gioco è anche il modo migliore per poter imparare, anche quando si è adulti. Inoltre, se il gioco è veramente coinvolgente e divertente si perde un po’ il controllo aumentando la predisposizione ad accettare consigli e suggerimenti.

Quanto è importante far sentire ogni individuo una persona speciale cercando di renderlo davvero protagonista, motivandolo e facendolo diventare così brand partner? Far star bene il consumatore ricaricandolo di energia rinnovata, come crede possa essere legato alla parola, spesso abusata, di benessere?

Non credo che una marca possa cambiare lo stato d’animo di una persona, tuttavia la richiesta di protagonismo dei consumatori è un trend sempre in crescita: dai reality ai social network oggi le persone sono abituate a sentirsi più al centro del (proprio) mondo che in passato. Tutte le marche oggi cercano di creare iniziative e soluzioni dove il consumatore possa sentirsi partecipe del processo. Anni fa, si chiamava UGC, oggi, Co-generation, penso siano tendenze che vanno al di là delle mode. Oggi, le marche devono essere molto più attente al consumatore e alle sue necessità, devono coccolarlo e farlo stare bene come si fa con un caro amico.

Negli anni 90 ha lavorato nel mondo della moda come textile e graphic designer per Moschino. Agli inizi del 2000 ha collaborato come art director per Sapient e Grey Interactive su progetti digital per Disney, Enel, Eni e Scholtès. Per tre anni è stato consulente come colour designer e trend setter per Honda Europe Motorcycle. È stato docente di progettazione e di tesi all’Istituto Europeo di Design dove ha anche coordinato due edizioni del Master di Grafica del Prodotto.

Senza titolo

Imille è un team di professionisti che unisce la passione per le nuove tecnologie a solide competenze di branding e marketing. Analizzando l'evoluzione dei media e del mercato, Imille esplora nuovi orizzonti, sperimenta soluzioni innovative e realizza strategie di comunicazione integrata per l'era digitale.
Imille è un’agenzia digital native, always connected, ma non fa differenza tra offline e online: alle aziende offre una visione della comunicazione come una piattaforma di lavoro in grado di raggiungere i target attraverso più mezzi e più messaggi, un crocevia mediatico al cui centro vi sono le persone, le idee, la conversazione.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Material ConneXion
illy mitaca
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7834826 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 2415 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 578 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi