ENTRARICERCA

Stefano Campora e Stefano Rosselli
L'intrattenimento in comunicazione per un coinvolgimento unico

Stefano Campora e Stefano Rosselli
Direttori Creativi Esecutivi
Leagas Delaney Italia

Senza titoloSenza titolo

Quale engagement in comunicazione riesce, oggi, a gratificare a pieno l’individuo e a prolungare la sua attenzione nei confronti del brand, prodotto o sevizio senza dispersività?

Il gioco, il sorriso e il sogno quali potenzialità hanno a livello comunicativo?

Scegliere la tecnica di engagement migliore in comunicazione, oggi, non può non considerare la personalità del creativo-agenzia. Altrettanto può dire e fare anche la personalità del prodotto sotteso.

Per quanto riguarda la campagna Cariparma, per esempio, abbiamo optato per un uso intelligente del testimonial, e ciò è avvenuto in maniera piuttosto automatica e naturale. Sponsor della squadra di rugby numero uno nel nostro paese, la banca ben si legava a lei. Utilizzarla quale testimonial non faceva altro che trasferire su Cariparma i valori e i principi di questa disciplina sportiva, tra le altre cose coincidenti proprio con quelli che da sempre guidano i rapporti con la clientela della banca. Valori come solidità, trasparenza, forza guidata e disponibilità verso l’altro, quindi, si possono trovare all’interno di una squadra di rugby tanto quanto agli sportelli di Cariparma. Altrettanto sintomatica è la scelta di persone normali per lo spot, vestite senza eccessi per offrire una percezione di vicinanza al consumatore.

Al di là di tutto è, oggi, importante essere in grado di creare qualcosa di coerente con il brand, avendo il tempo di stabilire con il cliente un rapporto professionale oltre che umano. Cambiare troppe volte strategia comunicativa, per le aziende non è mai positivo. Finisce per trasparire all’esterno.

Il concetto di provocazione, usato in comunicazione quale forma di gioco, appare oggi una strada da percorrere altrettanto interessante, in quanto induce a una riflessione creativa più profonda oltre che a una rottura di schemi. Non è facile però che il cliente accetti un’idea comunicativa che tenda alla provocazione. Le reazioni derivanti da questa scelta potrebbero essere altamente rischiose.

Altrettanto difficile è poi trovare una marca che si metta in gioco utilizzando l’ironia, strada comunicativa comunque assai naturale, che abbassa le difese, facendo accettare meglio quello che viene comunicato.

Lo spot realizzato per il cliente Brioschi e il suo famoso cinghiale a simbolo della difficoltà digestiva ben rappresenta l’uso del gioco. Aver approcciato il prodotto in questa maniera ha avuto positivi riscontri - dal buzz spontaneo sul canale youtube alla sua viralizzazione e riproduzione in moltissime versioni diverse. Il fenomeno ha avuto così tanto successo da portare alla creazione della pagina facebook del cinghiale e all’assegnazione di un nome al cinghiale.

Tutto ciò per dire che oggi il concept creativo dell’agenzia va al di là della comunicazione tradizionale, come siamo abituati a intenderla, diventa qualcosa di più ampio e coinvolgente ben altri canali. Se l’azienda capisce questo fenomeno ed è capace di cavalcare quest’onda può aspettarsi effetti di ricaduta molto positivi sia sul prodotto sia sul brand.
Più difficile percorrere, oggi, la strada comunicativa della promessa-sogno. In genere si preferisce rimanere con i piedi a terra. Le persone si aspettano concretezza dalle aziende, anche la comunicazione di prodotti in settori quali la moda restano ancora fedeli a questa strada.

Il posizionamento di prodotto e la strategia comunicativa in genere sono quindi oggi le condizioni che inducono a percorrere una o l’altra strada comunicativa. In un contesto in cui il pubblico appare evoluto e informato - capisce quando l’azienda utilizza una strategia non coerente con la sua identità e chiede maggior dialogo oltre che trasparenza - bisogna inoltre compiere passi molto accorti. Social media con le loro relative critiche sono sempre in agguato.

Stefano Campora, inizia la sua carriera nel 1988 come copywriter in Impact e poi in P&T Needham. Nel 1991 e per i successivi sei anni, è Copy Supervisor presso l’agenzia Saatchi & Saatchi, lavorando a Milano su grandi clienti nazionali ed internazionali quali Bosh Elettrodomestici, Closed Jeans, Coop, Danone, Galbani, Lea & Perrins, Reckitt & Colman, Renault, SAI Assicurazioni, Champagne Krug, Vini Antinori, Amaro Unicum. Campora si occupa inoltre delle campagne di comunicazione che hanno lanciato marchi importanti quali Omnitel Telecomunicazioni ed Infostrada. E’ il 1997 quando Stefano Campora entra nell’agenzia McCann-Erickson in qualità di Direttore Creativo Associato. Portano la sua firma campagne di grande successo realizzate per clienti come Levi’s, Cornetto Algida, Buitoni, Nescafé, Elettrodomestici Sangiorgio, Bertolli, Associazione Parkinsoniani, Lega Nazionale per la difesa del Cane e il lancio in comunicazione di Banca 121. Nel 2001 Stefano Campora si unisce, come Direttore Creativo, al team di D'Adda, Lorenzini, Vigorelli, BBDO dove realizza importanti campagne per Campari, Cinzano, Land Rover, Wind, Studio Universal, Carapelli, Ras Assicurazioni, RasBank, Banca Intesa, BMW, Cassina, Henkel (Perlana, Pril, Bio Presto), Pirelli Real Estate, Paglieri, A.C. Juventus e Whiskas. Da febbraio 2005 è Direttore Creativo Esecutivo in Leagas Delaney Italia. Stefano Campora si è aggiudicato i più ambiti premi creativi del settore, come un Leone d’Argento all’Advertising Festival di Cannes e 6 shortlist, un Clio, Oro anche all’Epica Award e due Ori, tra cui un Grand Prix, al New York Film Festival. Italiani invece i numerosi Ori e Argenti a lui attribuiti dall’Art Directors Club e dal Mezzominuto d’Oro.

Stefano Rosselli, formazione art director, inizia il suo percorso lavorativo nel 1989 presso gli uffici milanesi dell’agenzia Saatchi & Saatchi, dove verrà presto nominato Head of Art. Rosselli arricchisce la sua esperienza lavorando sui clienti di maggior prestigio dell’agenzia: Renault, Galbani, Ferrarelle, Disney, Coop, Birra XXXX, Sara Lee. Nel 2000, Stefano Rosselli viene chiamato dall’agenzia D’Adda, Lorenzini, Vigorelli, BBDO, dove resterà per due anni. Le campagne da lui firmate raggiungono presto importanti risultati in termini di riconoscimenti creativi, in particolare Deutsche Bank, BMW, Land Rover, Air Dolomiti, Damiani, Studio Universal, Triumph e Campari. E’ il 2002 quando Rosselli entra in Ata De Martini (oggi Arnold Worldwide) come Direttore Creativo Esecutivo. Tra le campagne che portano la sua firma ricordiamo Ras Bank, AssoGestioni, Fastweb, Vespa, Gilera, Gazzetta dello Sport, Rusconi, Honda Auto. Tra i numerosi awards vinti da Stefano Rosselli i più importanti sono certamente gli Ori al New York Film Festival, all’Epica Awards, Eurobest e la clessidra del Mezzo Minuto d’Oro, oltre agli svariati Ori e Argenti negli Annual dell’Art Directors Club Italiano. Da marzo 2005 è Direttore Creativo Esecutivo in Leagas Delaney Italia.

Senza titolo

Leagas delaney italia fa parte di un network indipendente. I nostri proprietari siamo noi stessi. Non subiamo diktat. Non subiamo pressioni. Non dobbiamo applicare formule nate per mercati diversi dal nostro. Siamo snelli, veloci, allenati. Sappiamo muoverci meglio sul mercato perché siamo abituati a contare soprattutto sulle nostre forze. Abbiamo una visione indipendente del business. Sappiamo adattarci più velocemente. Ci piace contribuire alla “biodiversità” nel mondo delle agenzie. Crediamo nel lavoro che si fa notare per la qualità. Il mercato sembra apprezzare sempre di più chi sa combinare l’amore per la creatività con il senso del business. L’indipendenza è una cosa bellissima che però va difesa ogni giorno. Con i risultati.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
smm day
illy mitaca
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7826492 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 2759 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 223 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi