ENTRARICERCA

Debora Mighali

Il viaggio del Messaggio: Dal brief in poi il messaggio vive diversi processi creativi che fanno in modo che una volta arrivato a destinazione, il viaggio non si fermi...

Senza titolo

Debora Mighali
Creative Director Emanuele Marazzi Full Communication

Quale metodo deve perseguire il professionista per sviluppare un contenuto di valore che arrivi al destinatario del messaggio e che da lì riparta per prendere nuova vita?

Ogni cliente è diverso, e quindi il nostro metodo è trovare insieme a lui la soluzione giusta per la sua azienda.

Il nostro primo approccio è davanti ad un caffè. Creare empatia è la nostra prima regola. Solo così il cliente si sente a suo agio e si riesce a leggere tra le righe del brief, che spesso non fa capire che cosa davvero lo ha spinto a contattare un’agenzia.

Cercare di conoscere e capire le persone è il primo passo per creare qualcosa che funzioni. Sono le relazioni di fiducia trasparenti e sincere che siamo sempre riusciti ad instaurare a fare la differenza. Condividere, confrontarsi, cercare la strada migliore per il cliente diventa anche la strada migliore per noi.

Il brief diventa un punto di partenza per conoscersi, se si è al primo lavoro insieme. Oppure è l’opportunità di continuare quella strada comune che abbiamo già tracciato con i lavori precedenti.

Una volta che si ha chiaro qual è la meta, raggiungerla diventa molto facile.

Oggi in quale misura siamo disposti a seguire il content marketing di marca? I social favorendo la condivisione sono il canale ideale per ingaggiare l’utente?

Ci piace capire a fondo quello che sta succedendo nel mondo della comunicazione. Internet e i social network hanno cambiato i rapporti tra cliente e prodotto. Il consumatore non è più solo un soggetto passivo: vuole dire la sua, commentare, avere voce in capitolo. E soprattutto, capire e sentirsi capito.

È un cambio di cui bisogna tenere conto: non se ne può fare a meno. Le aziende non possono ignorare questa realtà, così come le agenzie di comunicazione devono essere pronte a cambiare il modo di comunicare. I clienti, le persone, hanno bisogno di essere rassicurate. Seguire il content marketing di marca è importante, ma non basta. È la base di partenza da cui partire per andare oltre e proporre soluzioni sempre nuove, o almeno coerenti.

Questo non significa che i social sono la risposta a tutto: vanno affrontati con rigore, attenzione e giusti investimenti. Non serve fare tutto, essere presente ovunque: serve esserci dove il target è disposto ad ascoltarti. Ed è questo che noi proponiamo ai nostri clienti.

Quali sono gli errori da non commettere in comunicazione?

1. Far notare gli errori commessi da altri
2. Non saper ascoltare il cliente
3. Sottovalutare “l’effetto boomerang”
4. Pensare che la creatività sia il fine, e non il mezzo
5. Non osare
6. L’autocelebrazione
7. Pensare che i social network siano sempre la risposta giusta
8. Non essere semplici
9. Pensare che esista un media migliore di altri, sempre
10. Credere di essere infallibili

E, come da decalogo, non parliamo degli errori degli altri.

mediastars 20

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Material ConneXion
smm day
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7834805 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 1991 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 556 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi