ENTRARICERCA

Alessia Locatelli
Consumer Playmaker: Nella delicata fase d’arrivo presso l’audience di riferimento, quali sono le condizioni che regolano la buona ricezione del messaggio?

Senza titolo

Alessia Locatelli
Critico e Curatore Fotografico

L’utente come percepisce la diversa tipologia di messaggi nell’affollamento quotidiano degli avvisi pubblicitari? Quale tipo di engagement risulterà maggiormente gradito?

Io lavoro con le immagini fotografiche quindi sono molto sensibile al tema dell'affollamento della pubblicità -e dell'immagine ad essa associata -in ambito visivo. Credo che ci sia un surplus in tutti i campi che prevedono l'utilizzo dell'immagine e credo che questo non porti assolutamente alcun tipo di vantaggio a nessuno tanto meno all'advertising. Noi critici, nel nostro ambito culturale, cerchiamo di fare della visione e della lettura delle immagini qualche cosa che non sia una lettura superficiale , passiva, aiutando i fruitori nel difficile esercizio alla distinzione tra guardare ed osservare. C'è molto da fare in tale ambito, soprattutto con le giovani generazioni.

Spesso non ci accorgiamo di quanto gli algoritmi stiano pilotando le nostre scelte attraverso l'utilizzo dei Big Data. Quale sarà Il futuro della comunicazione? Sarà esclusivamente Data Driven o c’è la possibilità di una svolta creativa Human Driven?

Secondo me tutto il futuro dovrà diventare più “human”. Oggi la tendenza all'individualismo porta naturalmente ad avere soggetti con dei gusti molto chiari e difficilmente espandibili a grandi categorie di consumer come in passato. Secondo me la differenza sarà cercare di essere più etici e far passare i propri valori come qualche cosa che possa avvantaggiare non solo l'azienda ma anche il cliente finale. In fondo abbiamo solo un mondo abitabile non credo si possa andare avanti così: raccontando che le auto danno libertà e non inquinano, che la plastica si ricicla e non la si butta invece nel terzo mondo e che l'acqua è una risorsa inesauribile. Questa è l’immagine odierna della pubblicità che in futuro dovrà necessariamente cambiare, soprattutto in ambito comunicazione.

All’interno di un mercato sempre più esigente e competitivo, l’elemento cardine per le aziende resta la reputazione, attraverso la quale sono quotidianamente sotto esame da parte dei consumatori. La sostenibilità può aggiungere personalità al brand, suscitando un interesse più marcato nelle nuove generazioni?

La reputazione delle aziende: mi sembra esattamente questo lo snodo fondamentale per leggere anche il futuro della comunicazione. Come detto prima, la reputazione dovrà essere legata a doppio filo all'etica dell'azienda stessa. In futuro credo diventerà indispensabile avere una buona reputazione, proprio perché il mercato è già in grado di valutare oggi, molto meglio e con molta più attenzione, rispetto al passato anche grazie alle nuove tecnologie web che permettono indagini e verifiche sui prodotti.

mediastars 21

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
banner sqaure ms 21
smm day
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7900620 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 1214 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 4020 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi