ENTRARICERCA

Francesca Amadori
Responsabile Corporate Communication Amadori

TAVOLA ROTONDA - 31 Maggio 2011

Senza titolo

Gaetano Grizzanti (moderatore dell’incontro):
Chiudiamo questa tavola rotonda dando ora la parola a Francesca Amadori, nipote di Francesco Amadori e soprattutto responsabile Comunicazione Corporale per l’azienda di famiglia. Chiudendo con un caso concreto di comunicazione, a lei chiedo: quali sono le peculiarità della comunicazione del brand Amadori?

Senza titolo

Francesca Amadori:
Innanzitutto la nostra azienda ha una storia importante. Nasce come piccola realtà locale quarant’anni fa nel territorio di Romagna. Nel corso degli anni, grazie anche ad investimenti importanti, l’azienda ha acquisito un peso decisivo nel settore alimentare italiano con 6.500 dipendenti, stabilimenti in tutta Italia e una gestione integrata della filiera. La nostra comunicazione risale alla fine degli anni ’70, esattamente nel 1979.

La vera comunicazione che tutti i consumatori, oggi, si ricordano, però, è quella nata solo dieci anni fa con Francesco Amadori. Nell’immaginario dei consumatori c’è Francesco Amadori che parla e racconta la nostra realtà ai bambini. Perché Francesco Amadori è stato così efficace? Perché rappresentava una verità, e non per puro caso entra nella nostra comunicazione proprio dieci anni fa. In quel periodo era in atto una crisi di mercato non indifferente. Fu allora che Francesco Amadori decise di comunicare a tutti gli italiani che il suo prodotto era un prodotto sano, di qualità e italiano. Seppur oggi sia normale vedere imprenditori in televisione, non era così allora. Era strano vedere una persona mettere la faccia e la firma sui propri prodotti, ma fu vincente, perché trasmise fiducia ai consumatori.

Oggi, anche la nostra comunicazione sta cambiando.
Lo slogan Parola di Francesco Amadori, seppur rimasto tale, viene pronunciato da altri.Abbiamo continuato a comunicare i nostri prodotti, che ormai non comprendono più solo quelli tradizionali, ma anche altri ad alto contenuto di servizio.
Infine, facciamo leva su una comunicazione integrata che non riguarda soltanto i media tradizionali - tv e stampa - ma web, eventi e feste. Siamo entrati per esempio in Facebook, non come Amadori ma come Amadori People, un progetto che abbiamo realizzato in occasione del quarantesimo anniversario dell’azienda. A raccontare l’azienda sono i dipendenti attraverso foto scattate mentre lavorano. Raccontano la nostra filiale integrata. Con questo progetto abbiamo cercato di capire se un progetto che aveva avuto successo tra i dipendenti, poteva averlo anche all’esterno dell’azienda.
Stiamo, quindi, sperimentando nuovi media e nuovi canali per dare al consumatore la possibilità di comprendere la nostra strategia di marca.

Senza titolo

Gaetano Grizzanti:
Vorrei farti un’ultima domanda. Visto che in questa platea ci sono molti responsabili di agenzie e molti creativi, che cosa un’azienda italiana vuole e si aspetta da loro?

Senza titolo

Francesca Amadori:
Questa è una bella domanda, anche perché i creativi fanno proposte e lanciano idee spesso interessanti, ma non sempre accolte dalle aziende che dovrebbero dimostrarsi più aperte.

Credo che ci sia spazio per la creatività anche in un’azienda tradizionale come la nostra, che si porta sulle spalle un passato importante ma che, al tempo stesso, guarda al futuro. La cosa fondamentale è la coerenza. Va bene la creatività, ma deve sposarsi con quelli che sono i valori dell’azienda, acquisiti nel tempo e con fatica.

Senza titolo

Francesca Amadori, 34 anni, dopo aver conseguito la Laurea in Lettere Moderne e un Master in Sviluppo Risorse Umane e Organizzazione aziendale, lavora per un'azienda multinazionale in Italia e all’estero. Dal 2004 entra nel Gruppo Amadori, azienda leader nel settore agroalimentare italiano e si occupa dello start up di nuove funzioni (Risorse Umane e Comunicazione). All’interno della funzione marketing strategico, dove viene gestita tutta la comunicazione del Gruppo, ricopre oggi il ruolo di responsabile della Corporate Communication: è responsabile delle relazioni politico-istituzionali, dell’ufficio stampa e della comunicazione interna Amadori. Fra le attività da lei presidiate ci sono la realizzazione dei mezzi di comunicazione interna ed esterna, house-organ, newsletter, intranet aziendale, organizzazione di eventi. E’ responsabile della creazione, implementazione e supervisione delle attività editoriali. Gestisce con il marketing tutte le attività di comunicazione (stampa, eventi, digital) che seguono il lancio delle campagne pubblicitarie dei prodotti.

Senza titolo

La storia del Gruppo Amadori nasce intorno agli anni Trenta a San Vittore di Cesena quando la famiglia Amadori decide di commercializzare pollame, in ambito locale.
Nel giro di poco tempo gli Amadori decidono di dedicarsi anche all’allevamento: è l’inizio di un processo di miglioramento continuo che si svilupperà nel corso degli anni successivi.
Negli anni Ottanta, conquistati i primi posti in Italia nel settore dell'allevamento, si raggiungono importanti obiettivi: nasce un secondo polo produttivo in Abruzzo; si decide di gestione direttamente dell’intera filiera integrata, scelta che consente un controllo approfondito e certificato di tutte le fasi produttive; si parte con la produzione dei primi prodotti innovativi, tipici delle "aziende alimentari".
Gli anni Novanta sono quelli caratterizzati dalle prime campagne pubblicitarie nazionali, nelle quali Francesco Amadori diventa il testimonial, e dalla specializzazione: entrano in funzione due nuovi impianti per la produzione degli impanati e dei würstel.
E si arriva nel nuovo millennio, nel quale l’azienda Amadori continua a rafforzare la presenza sul mercato, acquisendo la “Del Campo”, un’ importante azienda del settore, e affermandosi come uno dei principali leader nel settore agroalimentare italiano, azienda innovativa e punto di riferimento per i piatti a base di carne, con un fatturato 2010 di oltre 1 miliardo di euro, e circa 6500 dipendenti.Tradizione e Innovazione sono i due elementi che contraddistinguono il Gruppo sul mercato: una squadra di professionisti che, con passione ed esperienza, propone soluzioni gastronomiche innovative e lavora per garantire ai consumatori, ogni giorno, prodotti buoni, freschi e sicuri.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
banner sqaure ms 21
smm day
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7834746 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 7314 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 493 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi