ENTRARICERCA

Conversazione con David LaChapelle di Gianni Mercurio

GIANNI MERCURIO: Da ragazzo dipingevi e disegnavi, però hai presto scelto di esprimerti con la foto. Agli inizi degli anni Ottanta la scena era invece prevalentemente in mano alla pittura. Con rare ma importanti eccezioni, come Mapplethorpe o Cindy Sherman. Proviamo a ripercorre la tua storia degli esordi.

DAVID LACHAPELLE: Io ho iniziato facendo foto ed esponendole nelle gallerie. All’inizio non lavoravo per le riviste: volevo esporre nelle gallerie. La mia prima mostra fu in una galleria che si chiamava 303, che con me aprì, era il 1984. Pochi mesi dopo feci lì la mia seconda mostra. Per fare un’altra mostra non c’era bisogno di aspettare un anno intero. Sai, giocavamo a lavorare, a produrre arte. Allora una mia foto costava 400 dollari, e nessuno la comprava. Non si poteva vivere così.

GIANNI MERCURIO: Il tuo primo incontro con Warhol?
DAVID LACHAPELLE: Ho incontrato Andy a un concerto degli Psychedelic Furs al Ritz, un locale notturno di New York. Mi disse: «Vieni a trovarmi, portami i tuoi lavori». Intanto quelli di “Inteview”, che erano venuti a vedere la mostra da 303, mi invitarono a lavorare per loro. Con Mark Ballet, che era l’art director, e Paige Powell, e Wilfredo Rosado siamo andati alla sede di “Interview”.

GM: Eri eccitato all’idea di poter lavorare con Andy, oppure pensavi a un momento di passaggio della tua vita?
DAVID LACHAPELLE “Interview” era la rivista con la R maiuscola, l’unica che mi interessasse. Era lo Zeitgeist, lo spirito del tempo. “Interview” era il giornale su cui si doveva apparire. Se uno voleva sapere cosa succedeva nel mondo, il mondo dell’arte e della cultura pop, guardava “Interview”. Era il centro del mondo. Lavorare per quella rivista era il massimo. All’improvviso le gallerie non mi servivano più, non guadagnavo più i soldi per vivere vendendo foto nelle gallerie. Mi sembrava che tutto fosse più spazioso. Mi misi in testa che le riviste fossero come gallerie, e che se qualcuno strappava la pagina della rivista su cui stava una foto e l’attaccava sul frigorifero, ecco, quello era il museo, il museo privato di qualcuno. Cominciai a lavorare per chi potevo, e a fare quante più foto potevo, lavoravo giorno e notte. Lavoravo con questo stile esasperato. Ma di stile non sapevo un bel niente. Non ci pensavo. Erano le cose che mi attraevano. Facevo quello che mi interessava e mi attiravano il colore, il senso dell’umorismo, la sessualità e la spontaneità. Era tutto molto intuitivo. Non pensavo mai: «Ecco, questo è lo stile…».

GM: Il tuo lavoro e' molto eclettico. Pensi che esista uno stile-LaChapelle?
DAVID LACHAPELLE: Uno fa quel che gli piace, e poi ecco che spunta uno stile. La gente rimette insieme tutto quanto e decide che quello è il tuo stile. Ma un giorno ti svegli e sei felice, un altro invece sei triste, un giorno ti svegli e sei arrabbiato… se sai tradurre tutto questo nel tuo lavoro, ed esprimere i tuoi sentimenti, allora sei un artista. Io non vedevo nessuna differenza tra fare il fotografo e fare l’artista. Non tracciavo confini. Se qualcuno pensa che la mia sia arte, benissimo, ma io lascio che sia la storia a decidere. In fondo le mie foto sono state fatte per delle riviste. Per delle riviste, mi spiego? Sono state fatte per attirare l’attenzione, perché chi sfoglia centinaia di immagini si fermi e SBAM! Io mi immaginavo una pagina bianca su cui potevo fare tutto quello che volevo. E questo mi dava ispirazione, così mi venivano le idee. Cosa ci voglio mettere qui, ora? Ci mettevo le mie ossessioni, le cose a cui pensavo: le cose che avevo in mente. Riuscire a tirarle fuori e a metterle su una pagina era per me una liberazione e un successo, anche perché altri si sentivano vicini a quelle idee, si creava come una rete di rapporti. Cominciò così, e poi tutto a un tratto il mio scopo era fotografare quanta più gente potevo per ricostruire il mondo della cultura popolare e il mondo in cui vivevamo. Per registrarlo, e per vedere fino a che punto potevo spingere la gente e le situazioni.

GM: A un certo punto nelle tue foto sei passato dal bianco e nero al colore.
DAVID LACHAPELLE: Il momento in cui passai al colore fu quando mi resi conto di non avere l’HIV. Fu come togliersi un peso di dosso, perché quando avevo diciannove anni avevo visto il mio primo compagno morire di AIDS; lui ne aveva ventiquattro, per anni pensai che sarei morto nello stesso modo. Tutto era in bianco e nero all’epoca, per me, non riuscivo a pensare a colori… prendevo ogni cosa terribilmente sul serio. Le mie prime immagini di quel periodo sono in bianco e nero, sono cupe e scure; per sei anni sono andato avanti così, in camere oscure a New York. Era il 1984, lui morì quella primavera; stavamo insieme da tre anni a New York, nell’East Village. Per me fu uno shock: dal momento che il mio ragazzo era morto pensavo che sarei morto anch’io. Allora la gente moriva molto alla svelta, non come adesso. Ora la gente vive sempre più a lungo. Negli anni Ottanta, quando qualcuno prendeva l’AIDS se ne andava all’improvviso e non c’erano neanche i test per individuare l’HIV.
Tanta gente ricorda gli anni Ottanta come un’epoca divertente, la New Wave, le discoteche. Si ricordano tutte le cose positive. I giovani di oggi non si rendono conto che gli anni Ottanta a New York furono un incubo. Pensavo che il mio tempo nel mondo fosse limitato. Lavoravo sodo, ma con questo peso sulle spalle, e ogni volta che mi sentivo male, ogni volta che tossivo, ogni volta che mi trovavo un livido, pensavo «Ecco, ci siamo». Alla fine trovai il coraggio di fare il test, ma sapevo che nei primi anni Ottanta i dottori non sapevano bene cosa fare, infatti lo feci solo negli anni Novanta e scoprii di non essere positivo all’HIV.
Mi tolsi un peso. Fu allora che cominciai a lavorare con il colore, che cominciai a traboccare di colore. Se ci ripenso lo vedo con chiarezza. Allora non mi resi conto di cosa mi stava succedendo, che quella era la mia reazione, ma se guardo indietro nel tempo vedo bene che cominciai a usare il colore nello stesso periodo in cui mi resi conto che sarei sopravvissuto.
Mi sentivo come le mie foto. Penso che il mio scopo fosse di offrire una specie di via d’uscita dalla pesantezza dell’epoca in cui vivevo e del mondo in generale. Volevo fare foto meravigliose che portassero chi le guardava in un altro mondo, più allegro. Cominciai con quest’idea.

GM: E poi?
DAVID LACHAPELLE: Ma poi si cambia: e io non sono più quello che ero allora. Si cresce, si impara e si cambia, e si spera di far meglio il proprio lavoro, e di evolvere come essere umano. Io spero di aver fatto proprio questo. Oggi ho obiettivi diversi da quelli che avevo quando ho cominciato a fotografare, e i miei obiettivi continuano a cambiare. Penso che qualcuno avesse ragione quando ha detto: «Sai, penso di essere uno work in progress»; io penso che siamo tutti work in progress. In questo momento mi sembra di essere all’inizio della mia carriera, all’inizio di un modo tutto nuovo di lavorare, di vedere le cose e di vivere. Mi viene da dire che mi sento ancora un volta come se stessi iniziando qualcosa di nuovo.

GM: Il tuo legame con la cultura pop e' dichiarato. Dopo il surrealismo, la Pop Art e' la corrente piu' longeva della storia dell’arte. Come pensi che si sia modificato il pensiero pop in questi ultimi quarant’anni? Il pensiero pop influenza oggi la stragrande maggioranza degli artisti...
DAVID LACHAPELLE: Per me, Pop Art ha sempre significato accessibile, che arriva alla gente, che tratta di cose interessanti e importanti per la gente. Le cose sono cambiate, le idee sono cambiate nel corso del tempo, e il pop è diventato sempre meno un movimento e sempre più una forma d’arte: come c’è la musica, la pittura o le arti visive, c’è anche la Pop Art. È arte che arriva alla gente, e i metodi che usa per arrivare alla gente sono cambiati nel corso degli anni.
È vero che negli anni Ottanta, con Keith Haring, c’è stata una boccata d’aria completamente nuova. Io penso che oggi pop significhi qualcosa di diverso da ciò che significava in origine. È diventato un termine così importante che davvero riassume in sé tutta la categoria. Non è più solo un movimento, è una categoria dell’arte.

GM: Nel tuo lavoro ritroviamo, mischiati, elementi onirici di memoria surrealista e scene di quotidianita' straordinaria. Fai una specie di iperrealismo di sapore magrittiano in cui l’assurdo e' un aspetto concreto della vita contemporanea, una specie di irreality show….

DAVID LACHAPELLE: Molti dei surrealisti erano degli anarchici. Credo che Magritte fosse un artista anarchico come i punk rock, e che si facesse domande caratteristiche di un certo tipo di artista: «Cos’è l’arte?», al limite dell’arte concettuale; «Questa è arte?», cose così. Io sono avido d’arte in generale. Ho studiato e amato l’arte. Non so se si può definirlo studio, ma fin da bambino ho desiderato diventare un artista, a ogni costo. Non volevo diventare una specie di uomo d’affari. E questo mi faceva sentire autorizzato a non finire la scuola, a non seguire le lezioni di matematica in classe, perché fin da molto piccolo sapevo che sarei diventato un artista. E sapevo che tutta la roba che mi insegnavano a scuola non mi sarebbe servita. Amavo l’arte, e leggevo e studiavo tutto quello che potevo. Ho amato l’opera di Michelangelo fin dall’inizio della mia attività, e a essa mi sono sempre ispirato. So che pare strano, perché io sono quello che faceva le foto a Lil’ Kim, a Pamela Anderson e a Paris Hilton, ma io mi limitavo a registrare il mondo in cui vivevo, e gran parte di quelle foto erano lavoro, semplice lavoro per me, e lo facevo come sapevo e potevo. A questo punto ormai ho detto tutto quello che volevo dire in termini di cultura popolare sulle riviste, e voglio lavorare solo per le gallerie, come ho cominciato nel 1984 alla galleria 303. Volevo lavorare solo per le gallerie, e ora ricomincio da capo. Vedremo se funziona, se la gente capirà. Per me ora è l’unica cosa da fare. Non sono più innamorato delle idee che avevo cinque o dieci anni fa. Dal 1995 al 2005 ho tentato di fotografare quante più persone potevo, punto e basta. Volevo registrare tutto. Avevo iniziato con l’idea di fare a ogni persona la foto che definiva la sua vita. Al passaggio del millennio, tra il 1999 e il 2000, ho tentato di fotografare il decennio e le ossessioni di quella cultura, della nostra cultura e del nostro tempo, e di metterle sulla pellicola. Anche se si trattava di fantasie esagerate, quello era quanto succedeva nel mondo.

GM: Lavori molto per committenza, una condizione a cui l’artista moderno non e' mai stato legato. Ma realizzi anche dei lavori in maniera autonoma, solo per rispondere a una tua esigenza personale.

DAVID LACHAPELLE: Ho intitolato il libro Artisti e Prostitute perché tutti quanti siamo stati un po’ entrambe le cose. O almeno io lo sono stato, ho lavorato per le persone e ho cercato di manifestare le mie idee, ma ogni situazione è diversa dalle altre. Tutti quelli che lavorano con me sanno che devono lasciarsi un po’ andare e lasciare che io metta in pratica le mie idee. Penso che le persone più stimolanti da fotografare siano gli artisti, perché sono più sensibili alle installazioni visive e alla carica di significato che le opere visive hanno.
È molto più faticoso lavorare in proprio, da soli, perché non ci sono limiti e si può fare tutto quello che si vuole. Avere un parametro o un limite è sempre più facile. Si lavora all’interno del limite, magari lo si forza e si oltrepassa la linea, ma quando i limiti non ci sono proprio è più difficile. Bisogna riflettere. È più stimolante.

GM: Quale e' il processo creativo alla base del tuo lavoro, cioe': la tua modalita' di lavoro e' piu' analitica e si struttura progressivamente sulla base di un progetto o procedi per intuizioni?

DAVID LACHAPELLE: A causa della natura del mio lavoro e della quantità di foto che ho fatto nel decennio tra il 1995 e il 2005, della velocità necessaria per costruire le inquadrature, e poi scattare, lavoravo in pratica ventiquattro ore su ventiquattro, sette giorni su sette. Eravamo sempre occupati a costruire un altro set. Lavoravamo sempre. Non c’era molto tempo per architettare strategie. E non ce n’era il motivo. Non c’era il tempo di pensare. Era come una macchina intuitiva, che si muove di continuo. E dunque non c’era il tempo di riflettere su quello che stavamo facendo o sul suo significato o sulla manipolazione dell’immagine di una persona. Si trattava di tentare di fare foto che riassumessero una persona, in modo che guardando la foto di qualcuno, senza conoscerlo, si potesse dire chi era. La mia idea era che, se facevo una foto a qualcuno e anni dopo, o chissà quando, quello fosse morto, se qualcun altro avesse voluto sapere chi era quella persona, bastava che prendesse le fotografie, e loro gli avrebbero raccontato chi era. Era un modo di fare fotografie spontaneo e intuitivo, piuttosto che metodico e cerebrale. Eravamo fotografi ad alta velocità e ad alta produttività. Ora si può guardare quanto abbiamo fatto e capire cosa significa, credo che quando si lavora in quel modo intuitivo e alla fine ci si guarda indietro, si vede il significato con un po’ più di chiarezza.

GM: Nel tuo ultimo lavoro ti sei ispirato alla Cappella Sistina. Perche' questo riferimento all’arte classica, la narrazione e la figurazione in chiave contemporanea si sono inaridite?

DAVID LACHAPELLE: Mi ha sempre affascinato l’idea del sublime. Per lo più il momento sublime si trova in natura. Molto raramente un’opera d’arte fa sentire la presenza di Dio. Molto raramente succede, l’impatto profondo tipo: «Oh Dio, ci deve essere altro, oltre questo mondo». A me questo succede, per esempio, quando vedo la Cappella Sistina. Al giorno d’oggi è difficile, perché nella Cappella Sistina c’è sempre folla e rumore. C’è una confusione incredibile, ma se si riesce a prescindere da ciò, e a vedere l’opera, è un momento che ispira timore reverenziale. Nell’arte è molto difficile raggiungere il sublime. Ma a volte momenti così si verificano. Quando si spalancano le porte del concetto di eternità, per esempio alla morte di una persona cara, di fronte alla diagnosi di un cancro, quando nasce un bambino, davanti a una calamità, la gente si chiede «Ma un Dio c’è? ». Ci si pongono queste domande, è un’occasione di illuminazione.A volte può verificarsi per mezzo di una sinfonia e a volte quando si vede da vicino una grande opera d’arte. Fin da bambino sono stato affascinato da Michelangelo. Se si parla di pop, ecco, lui è l’artista pop per definizione. È l’unico artista riconosciuto in tutto il mondo. Davanti all’immagine di una mano, quella della creazione di Adamo, tutti sanno dire il nome dell’artista che l’ha dipinta. E questo è molto vicino alla definizione di pop, cioè essere popolare: tutti conoscono Michelangelo. In qualche modo la sua opera è abbastanza ampia, arriva all’intelletto di tutti, anche ai bambini, che uno appartenga al mondo dell’arte oppure no. Mette in comunicazione l’idea di un mondo dell’arte e di un mondo “mondo”. Le mette in comunicazione davvero, perché guardando l’opera di Michelangelo si guarda il mondo. Non è il mondo dell’arte, è “il mondo”, è l’umanità. C’entrano i concetti di eternità, quelli di illuminazione e il concetto di «Ma un Dio c’è?». Come è stato possibile creare qualcosa di tanto bello? Penso che l’intento di Michelangelo fosse questo. La bellezza dell’uomo era la prova dell’esistenza di Dio. Credo che Michelangelo cercasse di comunicare questo. C’è il bello, rappresentato da Raffaello, e c’è il sublime, che è Michelangelo: toglie il respiro.

GM: Museum. Parliamo di questa foto. Ancora una volta a predominare e' la potenza distruttrice di una forza piu' grande di noi. L’acqua invade gli spazi del museo, lo rende impraticabile ma salva i capolavori, che sono tuttavia abbandonati a se stessi. Quest’acqua ha un potere di purificazione? Fai riferimento al sistema dell’arte e al fatto che questo spesso considera l’arte una merce come un’altra?

DAVID LACHAPELLE: Al giorno d’oggi il mercato dell’arte è pieno di collezionisti frenetici e nel mercato, negli ultimi cinque anni, è entrato in circolo denaro nuovo, e a ogni asta si battono dei record, in materia di prezzi. La mercificazione dell’arte e degli artisti non era mai arrivata a questi livelli. Per gli artisti la tentazione di farsi comprare e di produrre opere per questo mercato non è mai stata tanto forte. L’idea alla base delle foto della serie Museum era qualcosa che riguardava l’idea di proprietà. Se siamo proprietari di un’opera d’arte, ne siamo anche i custodi. Ci diciamo che è nostra, ma in realtà ne siamo i custodi per un periodo di tempo. Alla fine, quanto verrà il Diluvio, resteranno le opere d’arte. I proprietari saranno completamente dimenticati. Una parte di quelle immagini trattava proprio l’idea materialistica del possesso dell’arte e la frenesia del mondo dell’arte. Tutto è in uno stato di passaggio, di movimento. Le immagini nel museo allagato dal Diluvio sono allo stesso tempo inestimabili e prive di valore. Durante un’alluvione o una calamità puoi anche afferrarti al tuo dipinto, ma non è un tronco a cui aggrapparsi, non ti tiene a galla. L’idea che il nome delle persone continui a vivere attraverso le loro opere d’arte, o attraverso le loro collezioni di opere d’arte, è un mito che ci raccontiamo per consolarci davanti alla morte.

GM: E il diluvio in Cathedral? La societa' contemporanea sembra volersi confrontare sempre di piu' con la spiritualita' e perfino con la religione: per paura, bisogno di riferimenti forti, segno di appartenenza, Anche gli artisti, in modo personalissimo, spesso eretico…

DAVID LACHAPELLE: In generale penso che la gente cerchi l’illuminazione. Penso che l’arte sia il riflesso della vita. Se la gente nella vita cerca illuminazioni e risposte alle proprie domande, lo stesso succede nell’arte. Penso che viviamo in un’epoca di incredibile flusso di comunicazione, con canali che danno notizie attivi ventiquattro ore su ventiquattro, e vediamo le atrocità della guerra nel mondo, un mondo dove vive sempre più gente. Vediamo più da vicino il lato oscuro della natura umana, e questo mette in discussione la nostra esistenza. Perché siamo qui? A che scopo? Sono tutte domande esistenziali, le stesse domande che anche ogni artista si pone. Non credo che il post-modernismo, ad esempio, abbia risposto a domande di questa natura, o anche solo che se le sia poste. Ritengo che la ricerca metafisica sia la ricerca dell’illuminazione. La gente cerca risposte al perché il mondo è così com’è. Quando ci si avvicina molto al volto della sofferenza, e al nichilismo e alle tenebre, davvero ci si domanda qual è lo scopo, e perché siamo qui. Davvero si arriva all’idea esistenziale di quale sia il significato della vita. Io penso che se a quella domanda ci possono essere delle risposte, esse passano dall’arte e da un artista che può rivelare o accendere una specie di luce, cioè di illuminazione. Abbiamo appena attraversato un’era di tale confusione e un periodo di tale sconvolgimento, un vero e proprio terremoto nel mondo. Lo abbiamo visto, non si può evitare: deve succedere, il pendolo dovrà oscillare in un’altra direzione. Dovremo vedere la luce che brilla su questa concezione di scopo, lo scopo della vita. L’illuminazione arriverà: e se non viene dall’arte non so da dove possa venire. Non verrà certo dalla CNN. Verrà da un artista.

www.davidlachapelle.it

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
illy mitaca
Tiky ms21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7917587 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3830 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 215 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
17 ottobre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi