ENTRARICERCA

Mariapia Ebreo
Small is the new big: uno spunto di riflessione di tendenza nell'attuale mondo della comunicazione.

Senza titolo

Mariapia Ebreo
TEDxMatera Curator, titolare Applepie

Piccolo è il nuovo grande. Come interpretare questa nuova valenza messa in risalto da Seth Godin, scrittore di successo e guru del marketing?

L’attuale sfavorevole congiuntura economica spinge quelle piccole realtà che, negli ultimi anni, hanno scelto di investire in branding e comunicazione. Penso a start up e makers. Questo nuovo “bacino di energie” può produrre idee destinate a diventare grandi, se ben supportate da ambizione e forza di volontà.

La riduzione dei budget può portare all’ottimizzazione della strategia di comunicazione delle grandi aziende?

Nell’ottimizzazione delle strategie comunicative, oggi, le aziende sono molto agevolate dalle tecniche e dagli strumenti del web 2.0. Il passaggio successivo potrebbe essere quello dell’utilizzo più strategico dello storytelling, imparando magari ad usare meglio le leve del transmediale.

Come le aziende seguono la tendenza dell’attenzione al singolo, al mercato one to one, ai social network per distinguersi nella comunicazione attuale?

Sappiamo che l’utente ha ormai la facoltà di interagire con l’azienda, che prima era vista unicamente come emittente di un messaggio. Lo storytelling, utilizzato in maniera strategica, può creare engagement e intrattenere gli utenti della marca. Lo sviluppo del dialogo one to one in questa ottica è fondamentale e può portare, in tema di brand experience, a risultati sorprendenti.

Senza titolo

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
smm day
Tiky ms21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7613045 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 2273 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 469 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
17 giugno 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi