ENTRARICERCA

Maurizio Matarazzo

Il viaggio del Messaggio: Dal brief in poi il messaggio vive diversi processi creativi che fanno in modo che una volta arrivato a destinazione, il viaggio non si fermi...

Senza titolo

Maurizio Matarazzo
Founder & direttore creativo - Adv Activa, Milano

Quale metodo deve perseguire il professionista per sviluppare un contenuto di valore che arrivi al destinatario del messaggio e che da lì riparta per prendere nuova vita?

Forse a una domanda del genere c’è chi risponde con una formula predefinita, una specie di ricetta infallibile per una comunicazione sempre efficace. Io non credo sia così. Sono convinto che ogni volta si debba avere l’umiltà di cominciare da capo, valutando tutte le variabili in atto, adattandole e adattandosi alla richiesta del cliente, al target prescelto, al momento in cui si decide di diffondere il messaggio.

Perché, per fortuna, il lavoro del creativo non è mai stato, e non deve diventare, la ripetizione di un pattern già stabilito da altri, grigio e immutabile. Serve entusiasmo, e l’orgoglio di voler creare sempre contenuti originali e di alto livello, rimettendosi continuamente in gioco, ascoltando il cliente e anticipando il mood della futura utenza, per calibrare il tono del messaggio e interpretare l’idea creativa per farla sviluppare, vivere e crescere nel tempo.

Oggi in quale misura siamo disposti a seguire il content marketing di marca? I social favorendo la condivisione sono il canale ideale per ingaggiare l’utente?

Ogni marca ha in sé il potenziale di un ottimo content marketing. Il nostro lavoro è portarlo alla luce, ma senza snaturare l’identità del brand: con l’intelligenza di riconoscere quali siano gli strumenti di comunicazione più adatti per un’azienda, e con l’onestà di in modo coerente.

Stesso discorso per i social: oggi sono onnipresenti, è logico che non ci si possa, né voglia, sottrarre. Ma ricordando, al cliente e anche a noi stessi, che sono solo un mezzo, non un obbligo: non vanno bene per tutti, e non possono essere efficaci senza un piano editoriale strutturato. Soprattutto, diventano fondamentali solo quando riescono ad attrarre l’attenzione dell’utente per coinvolgerlo in un percorso di engagement e conversione.

Quali sono gli errori da non commettere in comunicazione?

Non ci sono errori. O meglio, non ci sono errori organizzabili in un decalogo: nel nostro mondo non si incide nulla sulla pietra. La comunicazione cambia di continuo, quello che oggi è un errore potrebbe non esserlo domani, o viceversa. Con una regola di base: non ingannare mai nessuno.

mediastars 20

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Material ConneXion
illy mitaca
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7729124 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 1793 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 1746 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi