ENTRARICERCA

Mauro Miglioranzi Direttore Creativo COO'EE Italia
Le Interviste Mediastars XII Edizione

Senza titolo

Mauro Miglioranzi
Direttore Creativo COO'EE Italia

In un mercato sempre più competitivo la motivazione e la forza del gruppo possono essere ciò che fa la differenza. Quali possono essere a vostro giudizio le potenzialità di un buon coaching?

Il vantaggio competitivo del nostro tempo, per eccellenza, è il talento.
In Italia devo dire che, in generale, manca il coraggio di fare alcune scelte importanti: fidarsi, premiare chi ha talento, creare un “vero” gruppo di lavoro.
Ecco che cosa è cambiato tra ieri e oggi: ieri le persone avevano bisogno delle aziende, oggi le aziende hanno bisogno delle persone.
Ieri le macchine e i capitali erano un vantaggio competitivo, oggi le persone di talento sono il reale vantaggio competitivo.
Le imprese più capaci si stanno accorgendo che un team di successo è una potente calamita per le menti più brillanti, per i partner più fedeli, per i clienti più importanti.
Usiamo il nostro talento, scopriamolo negli altri.
Tutti possono partire, ma solo chi ha talento spicca il volo.
Il risultato vincente è il frutto di un lavoro di squadra. La cosa importante è il 'noi', non il singolo.
Tenacia, concretezza e passione caratterizzano quella persona che non pensa solo a se stessa, ma condivide meriti e responsabilità con gli altri.
Mi ritengo un “uomo - professionista – imprenditore” fortunato, perchè ho l'opportunità di costruire e collaborare con un gruppo di persone straordinarie.
E' una delle cose che apprezzo di più.
E' importante circondarsi di persone più 'smart' perchè è il modo migliore in cui poter apprendere.
Infine, la cosa per me più importante, fondamentale al nostro lavoro: coltivare la capacità di saper guardare le cose con gli occhi di un bambino.
E non arrendersi mai.

Le è capitato di pensare di aumentare le capacità del proprio team, cercando di migliorare le competenze e le performance relative, intervenendo con un approccio mirato alla collaborazione con professionisti free-lance?

Imparare dai collaboratori e dai partner. Oggi bisogna sapere sempre più ascoltare, dal cliente al collaboratore: meglio fare domande che dare risposte.
Dobbiamo innanzi tutto essere corretti e onesti con noi stessi, ancor prima che con i nostri partner.
La mia idea è di creare un'agenzia vincente, e farne una calamita per persone ambiziose, di talento e motivate; dentro e fuori dall'agenzia, anche sul fronte del mercato-imprese.
Il nostro business è fatto di idee sì, ma anche di relazioni profonde e significative.
Credo sia determinante porsi obiettivi elevati, trattare le persone con grande rispetto e creare nel team un forte senso di appartenenza, sia con collaboratori interni che con free lance.

All’interno della vostra struttura riesce a delineare quali sono stati i risultati della sua attività di coaching?

La nostra agenzia, attraverso un ottimo teamwork, applica un modello di business basato su tre valori: valore umano, valore professionale e valore imprenditoriale. Sta crescendo bene, in modo graduale, sano e ottimizzato, e con una buona soddisfazione di tutti, collaboratori, fatturato e clienti.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Tiky ms21
illy mitaca
Statistiche
Il sito ha ricevuto 9024812 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 4347 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 1815 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
16 agosto 2020
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi