ENTRARICERCA

Andrea Barchiesi
CEO Reputation Manager

Senza titolo

Fulvio Zendrini, consulente di comunicazione e moderatore della Tavola Rotonda: Andrea Barchiesi ci parlerà di quanto conta la reputazione di una rete da parte di un brand.

Senza titolo

La reputazione che cos’è? È un qualcosa prima del contatto, una mediazione prima dell’esperienza. Quindi in tal senso, se la reputazione è negativa non ci sarà un’esperienza.
Capite fondamentalmente che la reputazione può essere anche intrinsecamente sbagliata. Non è detto che sia giusta. Può essere positiva o negativa, ma soprattutto non è detto che sia corrispondente alla realtà.
Ma questo è un mediatore esperienziale. Se questa reputazione sarà negativa noi lo affronteremo con l’esperienza. Viene prima dell’esperienza stessa. L’utente quindi non diventa solo un utente al centro dell’azienda ma diventa anche mediatore, narratore della sua esperienza.
Per questo l’azienda deve fare molta attenzione. Per il semplice fatto che non è più una questione di numero, ma è una questione di visibilità, qualità. Non tutti gli utenti sono gli stessi. La faccio semplice: un utente con un milione di followers nel caso di Twitter o altri canali, ha sicuramente un’influenza più alta.
Di conseguenza dobbiamo agire con priorità e soprattutto con scientificità. Non siamo a budget infinito, non siamo a risorse infinite. Il custumer care ha, diciamo, un problema fisiologico, non possiamo mai arrivare ad attrito zero. Non esiste un’azienda che sia ad attrito zero.
Il mondo digitale ha creato un bruttissimo palco per questa percentuale esigua di insoddisfatti. Basta una percentuale dell’1% di insoddisfatti su un milione di utenti per creare un numero rimarchevole. E quando tutto questo 1% riversa le sue opinioni online fondamentalmente polarizza il mediatore esperienziale per tutto il restante.

Quindi, noi che facciamo questo mestiere da anni, ed effettivamente fino al 2008 eravamo sacerdoti del nulla, perché a nessuno interessava cosa dicesse la rete, adesso si sono accorti, lentamente, che in realtà non è importante solo dal punto di vista negativo, ma anche dal punto di vista dell’opportunità. Gli utenti ci dicono cosa vogliono, semplicemente dobbiamo ascoltarli.
Alcuni esempi che sono stati fatti in questa sala erano fondamentali. Sbagliare nel piccolo per riportarne grandi numeri. Nascosto come in una matriosca in questo concetto c’è la sperimentazione. Ora la rete ci consente di sperimentare la comunicazione, ci consente di testare cinque comunicazioni diverse e darwinianamente di scegliere quella più potente.
Guardiamo l’opportunità della rete. La capacità di ascoltare la rete ci aiuta a creare, non sostituisce la creatività. Ci aiuta a creare esattamente come una scala ci consente di lavorare più in alto, esattamente come gli scii ci consentono di discendere più velocemente.
Quindi la rete è uno strumento formidabile, non solo in senso negativo, ma in senso di aiuto creativo. Ma solo se si ha la base scientifica per saperla ascoltare.

Senza titolo

Giulio Rodolfo, editore Mediastars: Sul tema del valore passo la parola ad Andrea Barchiesi, che chiuderà questa tavola rotonda.

Senza titolo

Tornerei sul concetto fondamentale di “sperimentazione”, perché è una cosa che, secondo me, stiamo sottovalutando, e voglio spezzare una lancia a favore dei creativi. Il mondo è diventato più complesso negli ultimi 30 anni. Le comunità non sono più una sola, ma sono tantissime. Noi che facciamo questo mestiere, toccando milioni di dati online e le vite delle persone, non è così facile circoscriverle come prima. La linearità di un tempo oggi diventerebbe banalità. Faccio un esempio, citando un libro di uno statunitense. Immaginate una campagna americana. Siamo in auto e stiamo scorrendo piano. Di lato vediamo delle mucche bianco e nere. Una, due, cinque, dieci,… Ad un certo punto diventano invisibili. Cosa deve accadere per cogliere la nostra attenzione? Una mucca viola. È questo il senso della cosa. L’asticella adesso è molto più alta di prima. Per stupire dobbiamo inventarci quotidianamente una mucca viola. Dopo 10 mucche viola non basteranno più neanche quelle. Quindi la morale è sperimentare, ma attenzione a non pensare che è facile come molti anni fa perché sta diventando sempre più complicato perché le persone sono cresciute, la cultura è cresciuta. Esse sono molto più smaliziate e non credono più nella pubblicità del tipo promozionale. Di conseguenza serve una sperimentazione, ma sempre più articolata. La vera domanda, su cui vi lascerei, è: Se questa complessità è crescente, dove arriveremo?

Giulio Rodolfo: Questo è sicuramente un buon quesito.

Senza titolo

Reputation Manager è leader in Italia nell'analisi della reputazione on line dei brand e delle figure di rilievo pubblico.
E’ stata la prima società in Italia a definire il concetto di Ingegneria Reputazionale, affiancando all'analisi una metodologia consulenziale orientata all'intervento strategico e alla comunicazione digitale per costruire e migliorare la reputazione on line.
Nata da un gruppo di professionisti provenienti dalle più grandi realtà internazionali di consulenza e industria, coniuga competenze tecnologiche, di marketing, di comunicazione e legali a supporto della completa gestione del ciclo reputazionale.
Reputation Manager attiva dal 2004 fonde lo spirito consulenziale con la più innovativa tecnologia del panorama italiano. Nel 2011 ha vinto il Premio Nazionale dell’Innovazione conferito dal Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano. Oggi annovera tra i suoi clienti molte tra le più importanti realtà nazionali dei settori Finanza, Telecomunicazioni, Media, Farmaceutico, Alimentare, Moda con oltre 200 progetti all'attivo.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

Senza titolo

Uno dei massimi esperti in Italia di web intelligence applicata al marketing e alla comunicazione. CEO e fondatore di Reputation Manager realtà che gestisce l’analisi e l’intervento on line per top brand, ha vinto nel 2011 il Premio Nazionale dell’innovazione conferito dal Presidente della Repubblica.
Ha definito il concetto di ingegneria reputazionale utilizzando metodologie interdisciplinari che trasformano la (inter)relazione digitale in una scienza misurabile. Collabora con varie testate giornalistiche nazionali (Gruppo Sole24 ore, Class Editori, Gruppo NewsPaper) dove opera per la diffusione della cultura digitale e per la promozione della ricerca e sviluppo come asset chiave per le aziende.
Attivo all’interno di programmi di formazione e divulgazione delle nuove metodologie di analisi e interazione all’interno del panorama web 2.0, insegna come docente in master e corsi universitari.

ADVERTISING
Material ConneXion
illy mitaca
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7989223 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3060 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 299 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
17 novembre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi