ENTRARICERCA

Intervento di Mirko Pallera
Atti della Tavola Rotonda del 26 Maggio 2010

Comunicazione = informazione, intrattenimento, creatività

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“Con Mirko Pallera, che insieme al suo socio e a Ninjalab ha importato le tecniche unconventional e ha cominciato a pensare in termini di media non tradizionali, con attività inedite che a volte si servono del web e di altre piattaforme, cerchiamo di capire come è visto il rapporto tra informazione, intrattenimento, creatività e, come si diceva, flessibilità.”

Mirko Pallera Strategic & Creative Director Ninja LAB:

Senza titolo

“Difficile è entrare in questo nuovo paradigma, paradigma che ci sta dicendo che le persone vogliono essere coinvolte, anche nelle attività di comunicazione. Per esempio, non so se conoscete la piattaforma “Il mulino che vorrei” per la quale abbiamo recentemente collaborato. Si tratta di una campagna per Mulino Bianco, attuata per svecchiare il marchio e avvicinarsi a un pubblico più giovanile, senza quel vissuto del brand Mulino Bianco che può avere la nostra generazione. È stata realizzata questa piattaforma - “The open innovation” - che ha consentito alle persone di proporre delle idee all’azienda. Quando hanno chiesto, per esempio, per un’altra campagna agli iscritti al sito di Mulino Bianco, “come vorreste chiamare il prossimo frollino?”, centinaia di persone hanno riposto, il successo riscosso è stato incredibile e la scelta finale per il nome del frollino - che se non sbaglio è “Girotondi” - è stata proprio dettata da queste risposte. Ne deriva come ci sia una grande voglia di partecipazione, di contribuire su aspetti ritenuti simbolici e identitari. Con la scomparsa delle narrazioni collettive - famiglia, religione, politica - la nostra identità si forma oggi prevalentemente sul consumo, quindi il fatto di poter dire la nostra su un biscotto che consumiamo ogni mattina ci fa sentire partecipi della costruzione della realtà. Questo aspetto appare oggi fondamentale e pochissime aziende hanno iniziato questo percorso di apertura e permeabilità con gli scenari di riferimento, dal punto di vista comunicativo ma anche produttivo, cioè offrendo prodotti veramente utili e rilevanti per le persone. Un altro aspetto futuro importante - e qui parliamo di vera avanguardia - è quello che riguarda la ridistribuzione del valore. Se Mulino Bianco, chiede alle persone di contribuire con le proprie idee - offrendo un contributo immateriale ma economicamente consistente - cosa potrà dare in cambio alle persone coinvolte? La gente chiede una ridistribuzione dei valori. Credo che questi siano i cardini fondamentali da tener presenti per il nostro futuro comunicativo.”

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“In sintesi, quindi: nel primo caso, bisogna cominciare ad avere dei programmatori nella propria struttura; nel secondo, in linea con il pensiero di Lorenzo Marini, e nell’era dell’ornitorinco, tutti devono saper fare tutto.
A questo punto visto che Mirko prima parlava di valori e di marca che va a sostituire i valori, chiedo: c’è una terza alternativa? Sei più tecnologico, più ornitorinco oppure cosa altro?”

Mirko Pallera Strategic & Creative Director Ninja LAB:

Senza titolo

“Indubbiamente ci vogliono nuove competenze. L’aspetto di partecipazione e relazione, oggi, è estremamente importante, rispetto al modello classico della persuasione. Se pensiamo a cosa vuol dire fruire la televisione, cioè sedersi e guardare quello che ci viene imposto, senza alcuna possibilità di interazione se non quella di cambiare canale, e a come i mezzi interattivi invece necessitano di relazione e partecipazione, è impossibile credere di poter portare la televisione sul computer, pensando che sia solo un nuovo schermo, perché il modo con cui ci si relaziona a un terminale è ben diverso. Tutto questo necessita di competenze diverse. Concordo con te quando dici che bisogna conoscere il mezzo. Io non mi sono mai iscritto a Facebook, non so a cosa serva Twitter - questo strumento misterioso in cui con 140 caratteri le persone raccontano il loro momento - ma poi scopro che questa piattaforma in Iran è l’unico strumento per informare su quello che sta succedendo. È difficile capire come pianificare una comunicazione, oggi, come realizzare una piattaforma comunicativa adattabile ai vari mezzi molto diversi tra loro. Adesso, per esempio, esiste un nuovo mezzo che si chiama Chat Roulette, una web application creata da un ragazzino di quindici anni, semplicissima, che vi permette di collegarvi attraverso la vostra webcam con sconosciuti. Potete mostrarvi in webcam, vedere l’altra persona e chattare. Una cosa apparentemente inutile, ma uno dei nuovi grandi fenomeni della rete. Come utilizzarlo? Harley Davidson ha pensato di mettere un bigliettino davanti alla webcam per dire “non ci sono, sono andato a farmi un giro in moto”. Integrare queste piattaforme richiede indubbiamente nuove competenze. In confronto, creare uno spot televisivo è molto più semplice. Per interagire con i nuovi mezzi, devi offrire un motivo reale di convincimento alla gente per interagire, rischiando il flop. Anche per il cliente è forse più semplice realizzare uno spot, in fondo deve solo approvare uno storyboard, andare sul set a vedere la registrazione e poi basta. Pensate, invece, alle difficoltà di gestire una relazione online per mesi e mesi di campagna con un dispendio notevole di energie, rischiando anche di non essere pienamente compresi.”

Senza titolo

Mirko Pallera - Strategic & Creative Director Ninja LAB

Mirko Pallera, emiliano, milanese d’adozione e oggi "immigrato al contrario" in Costiera Amalfitana, è sociologo, strategic planner, giornalista, copywriter e scrittore. Co-fondatore con Alex Giordano di Ninja Marketing, oggi il primo sito di marketing italiano, è strategic & creative director dell'agenzia Ninja, nonchè co-autore del fortunato best seller "Marketing Non Convenzionale: viral, guerrilla, tribal e i 10 principi del marketing postmoderno", edito dal Sole 24ORE.

Insegna marketing in prestigiose business school tra cui IULM, Bocconi e Politecnico di Milano. E’ socio fondatore di Wommi, la prima associazione di categoria dedicata al marketing del passaparola. Tra i primi italiani a far parte della giuria della sezione "interactive" dell'Art Directors Club americana, è ambassador dei Webby Awards, considerati gli Oscar di Internet e membro dello IADAS (International Academy of Digital Arts and Sciences). E’ amante del surf da onda e del Tai Chi Chuan, arte marziale cinese.

Ninja è l'agenzia creativa per l'era digitale, specializzata in non-conventional, viral e social media marketing.

Siamo entrati definitivamente nella "Nuova Era" del consumatore attivo, partecipativo e consapevole. Parole come viral, social media, user generated content, open innovation non sono più semplici slogan del nuovo marketing, ma concetti fondamentali del "branding" contemporaneo, che non può più prescindere da una relazione diretta, costante e bidirezionale con le persone.

Si tratta di una vera e propria rivoluzione che investe il marketing strategico e che richiede l'utilizzo di nuovi modelli e metodologie innovative, ma soprattutto l'esperienza e la forma mentis che noi Ninja abbiamo assimilato in anni di studio e di applicazione pratica per i nostri clienti.

Noi guerrieri Ninja, nuovi creativi culturali per l'era digitale, siamo pronti ad affiancarvi nella difficile battaglia verso l'"evoluzione" della vostra azienda e della sua comunicazione. E voi, siete pronti?

Senza titolo

Senza titolo

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
banner sqaure ms 21
Tiky ms21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 8039275 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3180 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 240 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
6 dicembre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi