ENTRARICERCA

Intervento di Enrico Gasperini
Atti della Tavola Rotonda del 26 Maggio 2010

Comunicazione = informazione, intrattenimento, creatività

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“Coinvolgerei ora Enrico Gasperini per approfondire la grande realtà di internet: il web. Parliamo di numeri, qual è l’attuale situazione che connota il comparto web?”

Enrico Gasperini Presidente Audiweb:

Senza titolo

“Direi fatta di luci e ombre. Ci si aspetterebbe che un Paese in crisi come il nostro si operasse velocemente per attuare delle riforme, per accelerare e migliorare, avere quindi una rapida reazione, cogliendo l’innovazione. Questo sta succedendo per i consumi, ma non per le scelte di investimento. Nei consumi, la rete è l’unico mezzo che cresce nella nostra “dieta mediatica”. Cresce tra i consumatori fino a 55 anni. Nella globalità, cioè dagli 11 ai 74 anni, abbiamo poco meno di 25 milioni di utenti che utilizzano la rete durante l’anno. I social network si stanno rivelando i driver più importanti, al pari dei pc piccoli - come li chiamo io - che con la chiavetta permettono di connettersi a Facebook in qualsiasi momento. Fino ai 55 anni, l’utilizzo di internet è molto diffuso; dopo i 55 abbiamo il nulla; nel senso che si passa dall’80% al 20%, in un taglio netto generazionale, e pensare che la maggior parte di manager e politici stanno in questa fascia d’età! Una riflessione è d’obbligo.
Un altro driver fondamentale di innovazione è la telefonia cellulare. La crescita di accesso a internet da parte dell’utenza degli smartphone è molto importante. Non è ancora chiaro cosa succederà in futuro, ma per ora ci sono ottime potenzialità.
Le ombre risiedono nel fatto che gli investimenti crescono, è vero, e si tratta di un +10%. È un mercato, insomma, che resta comunque piccolo. Siamo circa 1/8 a confronto dell’Inghilterra. Il commercio elettronico in Italia vale poco meno di 1/10 della media europea. Si tende a difendere i comparti classici a svantaggio dell’innovazione. Bisogna avere il coraggio di provare, di buttarsi, di fare investimenti nuovi e di dare spazio ai giovani creativi. Il processo è oggi molto più lento di quanto invece sarebbe auspicabile.”

Pasquale Diaferia Creative Chairman Special Team, moderatore dell’incontro:

Senza titolo

“La comunicazione etica, con questo tipo di approccio, fa da chiusura del cerchio. L’anticonsumismo si supera, l’arretratezza tecnologica del paese si spera di recuperarla, questo tipo di approccio resta fondamentale e non dovrebbe essere solo proprio del mercato etico ma di tutti gli altri mercati.
Con il secondo giro di domande, torno a Enrico Gasperini perché da quel che ho sentito mi sembra di capire che ci sono diverse piattaforme e diversi modi di comunicare in questo panorama di discipline e attività, giocato su media vecchi e nuovi. Cosa succede nella filiera delle agenzie? Le web agencies non esistono più solo come tali. L’unconventional è attuato anche dalle grandi multinazionali. Riprendo la dichiarazione di un grande direttore creativo che qualche mese fa ha detto che “ormai gli skill creativi provengono non solo dalle filiere delle agenzie, ma anche dai social network”. Quali cambiamenti rintracci?”

Enrico Gasperini - Presidente Audiweb:

Senza titolo

“Ci sono diverse tecnologie e diversi driver. Il problema più grosso risiede nel fatto che la più grande concessionaria del mondo è costituita da un gruppo di ingegneri che ha inventato un motore di ricerca. Inoltre, il più grande venditore di contenuti - la più grossa edicola - sta diventando una società che prima ha inventato il Macintosh e poi l’iPhone. Alla base di questi successi, c’è una grande capacità di creare e di investire in tecnologia; questo vale per tutti e vale anche per le agenzie. La migliore agenzia al mondo nel prossimo futuro avrà metà personale composto da sviluppatori di software. Qualsiasi agenzia, comunque, se non avrà al suo interno un valido gruppo di ingegneri software, sarà destinata a morire, perché non sarà in grado di costruire quegli strumenti che il consumatore vuole usare. Faccio un altro esempio se un utente lo fai divertire e basta, certamente va bene per l’engagement, ma dopo poco vorrà vedere il prodotto e per farlo c’è bisogno di tecnologia, di software e, naturalmente, di investimenti. Aggiungo anche che vedo saltare anche le specializzazioni. Se fosse così per ogni progetto ci vorrebbe qualcuno che crea investimenti e banner, qualcun altro che si occupa di below the line, l’agenzia PR, l’agenzia creativa, l’agenzia specializzata in social network, un’altra che pensa alla tecnologia: sfido chiunque a coordinare tutte queste persone e a tirarne fuori un progetto bello, serio, lineare. Il consumatore vuole vedere un progetto solo intorno a sé. Da una miriade di realtà specializzate si approderà a un’unica agenzia. Largo dunque ai giovani e agli investimenti in tecnologia.”

Senza titolo

Enrico Gasperini - Presidente Audiweb

Enrico Gasperini, Presidente e CEO di Audiweb, Fondatore ed Executive Chairman del gruppo Digital Magics, Presidente della Consulta Digitale di AssoComunicazionei, classe ‘62, laureato in Scienze dell’Informazione con una specializzazione in Computer Scienze, inizia la sua attività imprenditoriale sperimentando già negli anni ’80 nuovi sistemi digitali di interfacce intelligenti.
Nel 1988 fonda Inferentia che, a partire dall’offerta di servizi di sistemi informatici intelligenti, nel ’93 diventa la prima new media agency in Italia specializzata nell’offerta di servizi di marketing e comunicazione per l’online advertising, realizzando progetti innovativi riconosciuti a livello internazionale.
Inferentia diventa il trend setter nello sviluppo di nuovi modelli di marketing e comunicazione applicati ai media digitali, ispirando l’approccio alla Rete sia del punto di vista strategico che creativo. Nell’agosto 2000 la società si quota in Borsa al Nuovo Mercato, diventando – dapprima col nome di Inferentia DNM poi Fullsix – leader a livello europeo nel settore del marketing digitale.
Nel 2004 inizia una nuova sfida: Enrico Gasperini fonda Digital Magics, un incubatore di nuove iniziative nel mercato digitale in grado di ideare business originali e nuovi modelli di marketing e comunicazione per le piattaforme digitali. Dalla sua fondazione, il Gruppo Digital Magics ha avviato oltre venti iniziative che hanno contribuito allo sviluppo dell’intero comparto online in Italia presidiando tutte le aree di competenza nel mercato digitale. Tra le principali: 4WMarketplace, Bibop, Digital Bees, Easy Baby, LiveXtention, Red – NessunoTV, SingRing, SportXtention, Telecom Design e TheBlogTV.
L’attività imprenditoriale si sposa con la passione per l’innovazione e la valorizzazione del comparto digitale. Per questo, Gasperini è da sempre impegnato nella diffusione della cultura dell’online, lavorando attivamente per la crescita strutturale e culturale del Sistema digitale italiano.
Dal 2004 Gasperini è Presidente del Settore Digitale di AssoComunicazione e, dal 2007 è Presidente di Audiweb, Joint Industry Commettee che ha l’obiettivo di fornire al mercato informazioni “super partes”, di carattere quantitativo e qualitativo, sulla fruizione dei mezzi operanti su Internet e sui sistemi online. Dopo aver contribuito alla realizzazione del primo sistema di misurazione e condivisione dei dati di audience online in Italia, nel 2010, a conclusione del primo mandato, Gasperini viene confermato alla presidenza di Audiweb.

Senza titolo

Senza titolo

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
smm day
banner sqaure ms 21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 8042476 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 3118 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 4211 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
6 dicembre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi