ENTRARICERCA

Mauro Miglioranzi
Qual è in Comunicazione il rapporto fra Creatività, Tecnologia e Formazione

Senza titolo

Mauro Miglioranzi
Amministratore Unico e
Direttore Creativo
Cooee Italia

Come si rapportano oggi creatività e comunicazione?

L’evoluzione sempre più veloce del mercato, l’innovazione tecnologica e la contaminazione tra mezzi, strumenti e luoghi off e on-line fanno sì che la creatività sia centrale per qualsiasi azione di comunicazione: istituzionale o promozionale, di prodotti o servizi che sia.

Oggi si parla di comunicazione olistica dove l’idea è al centro, e per ogni mezzo/strumento c’è un’interpretazione personalizzata.

Linguaggi e stili diversi per ogni luogo di riferimento, per target a volta differenti tra loro che, in quel momento vivono l’esperienza e “consumano” il prodotto/servizio.

Come la tecnica e Tecnologia aiutano la creatività?

Tecnica e tecnologia favoriscono una buona riuscita del prodotto creativo, di comunicazione. A volte servono d’aiuto - come spunto/traccia - sin dall’inizio del percorso creativo.

L’idea comunque - a livello di concept (pensiero creativo) - rimane sempre e comunque centrale. Questo è fondamentale alla buona riuscita di ogni campagna e/o progetto di comunicazione. Il creativo è un professionista, e non un artista, questo deve essere chiaro. Deve portare risultati concreti ed oggettivi.

Si può diventare creativi? Quale è l’importanza della Formazione?

La formazione è sicuramente importante, ti permette di conoscere le regole del gioco e ti da’ gli strumenti per cominciare ad operare nel mondo della comunicazione; ma l’esperienza sul campo, la dedizione, il sacrificio, il sogno, la volontà di mettersi in discussione tutti i giorni, completano l’uomo creativo-professionista della comunicazione.

Riuscire, una volta diventato un creativo professionista, a fare il passaggio da creativo a imprenditore creativo non è semplice - e non tutti ce la fanno - o vogliono farlo. Se si vuole fare impresa, il passaggio è obbligatorio. Anche in questo caso bisogna imparare le regole, quelle legate all’azienda e al business.

Come legare creatività a business in una Visione Strategica di agenzia-azienda?

Fare impresa oggi è un’impresa, quindi la strategia, la tenacia e la fermezza sono fondamentali. Mai mollare, avanti tutta!

Cooee Italia si è specializzata negli anni in strategia e creatività per campagne pubblicitarie e progetti di comunicazione, con un raggio di azione sia nazionale che internazionale, definendo un approccio metodologico completamente innovativo incentrato su tre valori: il valore umano, il valore professionale e il valore imprenditoriale (Modello UPI). Questi valori sono i punti cardine di una filosofia che viene applicata indistintamente sia nella sfera professionale che in quella personale.

Il valore umano, incentrato sull’affettività, la sensibilità e l’onestà è fondamentale per creare e mantenere una relazione di stima e di fiducia, il valore professionale deve essere la dimostrazione di come si possa lavorare privilegiando la qualità, infine il valore imprenditoriale è fondamentale per accompagnare il cliente passo dopo passo in ogni progetto condividendone gli obiettivi e le aspettative.

Attraverso un buon lavoro di squadra e applicando tale modello di business Cooee Italia è cresciuta in modo graduale ma significativo, e tutt’ora è in continua evoluzione.

Accanto alla fiducia rinnovata da parte dei clienti storici come Paluani, Velux, Fila, Gruppo Rossetto, Wurth, Verona Marathon, Loacker, Remedia, Industrie Polieco e Ferplast infatti arrivano continue conferme anche da parte di nuovi clienti.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
smm day
Material ConneXion
Statistiche
Il sito ha ricevuto 8051678 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 2585 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 272 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
6 dicembre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi