ENTRARICERCA

Raffaele Annunziata
Consumer Playmaker: Nella delicata fase d’arrivo presso l’audience di riferimento, quali sono le condizioni che regolano la buona ricezione del messaggio?

Senza titolo

Raffaele Annunziata
Owner e Social Media Manager presso Seed Media Agency

L’utente come percepisce la diversa tipologia di messaggi nell’affollamento quotidiano degli avvisi pubblicitari? Quale tipo di engagement risulterà maggiormente gradito?

Nella società attuale gli utenti sono abituati a ricevere e selezionare i messaggi che riceve sui propri device, costruendo una scala gerarchica mentale assolutamente singolare. Noi di Seed Media Agency proviamo ogni giorno a far arrivare i messaggi giusti agli utenti giusti e questo è possibile grazie alla targettizzazione avanzata che i social media ci offrono. Nello scenario attuale riteniamo fondamentale riuscire a far percepire le comunicazioni aziendali non come interruzione, strumento tipico della “pubblicità” tradizionale, ma come parte integrante dello stream, per avere un engagement di qualità nettamente superiore.

Spesso non ci accorgiamo di quanto gli algoritmi stiano pilotando le nostre scelte attraverso l'utilizzo dei Big Data. Quale sarà Il futuro della comunicazione? Sarà esclusivamente Data Driven o c’è la possibilità di una svolta creativa Human Driven?

E’ necessario comprendere come funzionano i canali sui cui si svolge la comunicazione online oggi. Sono piattaforme dominate dai Big Data, nei quali gli algoritmi svolgono una funzione indispensabile di indicizzazione, selezione e messa in evidenza di un argomento piuttosto che un altro. Nascono lavori nuovi, imprese che ancora non esistono sconvolgeranno il mercato a breve e i Big Data altro non sono che la risorsa attualmente più appetibile. La trasmissione di messaggi aziendali continuerà ad essere orientata degli umani verso altri umani ma la capacità di raggiungere il proprio target sarà sempre più dettata da parametri puramente tecnici che economici, come avvenuto finora, ed estetici. Le aziende dovranno continuare a parlare con una voce umana, sempre più umana e cercare di comprendere i bisogni dei propri consumatori.

All’interno di un mercato sempre più esigente e competitivo, l’elemento cardine per le aziende resta la reputazione, attraverso la quale sono quotidianamente sotto esame da parte dei consumatori. La sostenibilità può aggiungere personalità al brand, suscitando un interesse più marcato nelle nuove generazioni?

Noi di Seed Media Agency abbiamo sempre privilegiato le aziende che adottano principi di sostenibilità. Preferiamo valorizzare il lavoro di aziende etiche, che mettono la sostenibilità davanti al business “puro”. I Brand che riescono a comunicare la propria personalità etica sono avvantaggiati oggi e lo saranno sempre di più: gli utenti sono sempre meno consumatori passivi, hanno le capacità per leggere le etichette, informarsi su cosa acquistano, paragonare i brand tra di loro e scegliere quello che più soddisfa le proprie esigenze, non più prettamente economiche, ma anche, e soprattutto, culturali ed etiche.

mediastars 21

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
illy mitaca
Tiky ms21
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7980905 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 1596 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 485 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
10 novembre 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi