ENTRARICERCA

Alfredo Marani Amministratore e Direttore Clienti Com Group
Le interviste Mediastars XII Edizione

Senza titolo

Alfredo Davolio Marani
Amministratore e Direttore Clienti Com Group

Ci puo' raccontare l’attivita' di Com Group?

Com.Group – Communication Group - nasce da un’esperienza di vent’anni in primarie Agenzie di Comunicazione Internazionali. Si fonda su un nucleo centrale che impiega, secondo le necessità, competenze specialistiche nelle diverse discipline della comunicazione, aggregandole e coordinandole in funzione degli obiettivi. E’ una struttura "aperta" e flessibile, che offre soluzioni mirate con strumenti e proposte tarati sui reali bisogni del cliente. E’ un'agenzia competitiva con le realtà esistenti sul mercato per qualità del lavoro, servizio, flessibilità, velocità d’esecuzione, costi.

Qual e' il suo pensiero riguardo alle nuove tecniche di comunicazione?

Penso che oggi la comunicazione stia diventando multidisciplinare: diversi strumenti di comunicazione s’integrano tra loro per produrre il miglior effetto finale. Questo perché, oggi, il rapporto tra azienda e mercato somiglia sempre di più ad un rapporto umano. E’ un rapporto complesso, articolato, in cui la marca deve riuscire a generare relazione e fedeltà con un pubblico attuale e potenziale. I brand in genere, necessitano di qualità, reputazione, capacità d’innovazione ma anche di rassicurazione, contatto, vicinanza: proprio come in un rapporto umano. Accanto all’emozione, al sogno, al patrimonio intangibile della pubblicità, occorre creare un’esperienza materiale veramente completa. Oltre alla visione e all’ascolto, soprattutto per un prodotto alimentare bisogna coinvolgere il tatto, il profumo, il gusto, puntando alla vicinanza e al reale contatto con il target.

Questi argomenti vi hanno portato a sviluppare il progetto della mostra itinerante di Pellini?

La campagna pubblicitaria Pellini comunica prestigio, qualità, magia e seduzione. Ciò, grazie, soprattutto, all’idea del “neo/chicco” che sta divenendo sempre più elemento di riconoscibilità della marca. Nel progetto di comunicazione integrata tutti questi elementi sono coerentemente ribaditi e valorizzati. I mondi della moda, del cinema e dello spettacolo costituiscono l’ambito coerente in cui si sviluppa l’idea: realizzare una mostra fotografica che ritrae celebri “star”, del presente e del passato, accomunate dal tratto distintivo “neo” (come il neo a forma di chicco di caffé che caratterizza Pellini). La mostra diviene itinerante sul territorio nazionale, nei negozi di moda Associati alla prestigiosa Camera Italiana Buyer Moda, dove si espone Armani, Gucci, Versace, Dolce & Gabbana e molte altre prestigiose firme. Qui, durante il tour, l’Azienda incontra il proprio target proponendo degustazione del prodotto “Top”, informa su qualità e valori aziendali, crea un’esperienza di marca nuova. Il nostro lavoro sviluppato intorno all’organizzazione della mostra, si concentra nello sforzo logistico necessario pianificare le diverse tappe della mostra e anche nella difficile fase dedicata alla negoziazione dei diritti fotografici delle star: da quelle del cinema internazionale come Marilyn Monroe a quelle del cinema e dello spettacolo italiano.

Vorrei chiederle come quest’iniziativa ha conquistato l’interesse di una giuria internazionale, che ha poi deciso di assegnarvi un significativo riconoscimento.

Il palmares di Pellini Caffé si arricchisce, infatti, di un premio di prestigio: l’iniziativa riguardante la mostra “Particolare e inconfondibile”, ha conquistato un bronzo agli IMC European Awards (Integrated Marketing Communication) 2007. Si tratta di uno dei pochissimi riconoscimenti italiani assegnati all’interno delle campagne europee di marketing relazionale giudicate da un’apposita giuria internazionale. Il brand Pellini, marchio di caffé d’alta qualità, si abbina bene ai canoni classici del life style italiano, quali il cibo e la moda, ed inserirsi in questo filone anche all’estero significherebbe incrementare la forza del brand. Qui vorrei citare alcune dichiarazioni: Questo premio - ha commentato Marco Gualdi, membro dell’IMC Council e del Consiglio direttivo di AssoComunicazione - viene assegnato al termine di una selezione molto stringente che comincia nelle singole nazioni aderenti all'EACA (European Association Communication Agencies). Inoltre, l'Azienda ha precisato in una nota - che questo è un riconoscimento di grande importanza perché testimonia il valore di un’iniziativa below the line innovativa e molto coerente rispetto al target di riferimento: gli opinion leader che frequentano boutique d’alto livello -.

Alcune considerazioni finali a proposito del percorso creativo seguito in quest’occasione?

In definitiva, credo che il premio per la categoria Brand-building conferito a questo progetto, è stato davvero importante perché, utilizzando la tecnica “brand activation”, è stato reso protagonista quell’elemento particolare e inconfondibile, ovvero il neo, che rappresenta la property creativa dell'Azienda, sempre rappresentata in tutta la sua comunicazione e per tutti i media: affissione, televisione, stampa e, ora, anche in una mostra fotografica itinerante.

MediaForm

Mediaform nasce con l'obiettivo di ricercare le possibilità di sinergia e interazione fra il mondo accademico e la realtà delle agenzie

ADVERTISING
Tiky ms21
Material ConneXion
Statistiche
Il sito ha ricevuto 7728103 visite.
Questa specifica pagina è stata visitata 4235 volte.
Segnalala ad un amico
Ci sono 614 utenti in linea
(di cui 0 registrati)
Ultimo aggiornamento:
8 agosto 2019
Powered by Mooffanka
Design e sviluppo: Katytid
Attendere, prego...
Chiudi
Chiudi